Sentenza Nº 15116 della Corte Suprema di Cassazione, 14-05-2020

Data di Resoluzione:14 Maggio 2020
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
CORBETTA Simone, nato a Merate il 20/09/1984
ESPOSITO Libero Oreste, nato a Luino il 04/12/1983
VASI Filadelfio, nato a Varese il 05/05/1976
avverso la sentenza del 03/12/2018 della Corte di Appello di Milano
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere GIUSEPPE RICCARDI;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Olga Mignolo,
che ha concluso chiedendo l'inammissibilità dei ricorsi;
udito il difensore, Avv. Sara Morandi, che ha concluso chiedendo
l'accoglimento dei ricorsi.
RITENUTO IN FATTO
1. Con sentenza emessa il 03/12/2018 la Corte di Appello di Milano ha
confermato la sentenza del Tribunale di Pavia, che aveva affermato la
responsabilità di Corbetta Simone, Esposito Libero Oreste e Vasi Filadelfio per
il reato di cui agli artt. 110, 582 e 585 cod. pen., perché, detenuti presso la
Casa Circondariale di Pavia, percuotevano il detenuto Montagna Gabriele,
Penale Sent. Sez. 5 Num. 15116 Anno 2020
Presidente: VESSICHELLI MARIA
Relatore: RICCARDI GIUSEPPE
Data Udienza: 18/02/2020
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA