Sentenza Nº 14732 della Corte Suprema di Cassazione, 29-05-2019

Data di Resoluzione:29 Maggio 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso n. 11368/2017 r.g. proposto da:
BERNABE' FABRIZIO (cod. fisc. BRNFRZ6ORO1B188W), rappresentato e
difeso, giusta procura speciale apposta in calce al ricorso, dall'Avvocato
Domenica Paola Valtancoli, con cui elettivamente domicilia in Roma, alla
Piazza dell'Orologio n. 7, presso lo studio dell'Avvocato Nicola Marcone.
- ricorrente -
contro
CONSORZIO TRASPORTI FAENZA s.c.p.a., in liquidazione coatta
amministrativa (cod. fisc. 00865600399), con sede in Faenza (RA), alla via
Risorgimento n. 37, in persona del commissario liquidatore e legale
rappresentante
pro tempore
dott.ssa Silvia Benelli, rappresentato e difeso,
giusta procura speciale apposta in calce al controricorso, dagli Avvocati
Isotta Farina e Guido Fabbri, con i quali elettivamente domicilia in Roma,
alla via Emilia n. 88, presso lo studio dell'Avvocato Federica Corsini.
- controricorrente -
1
Civile Sent. Sez. 1 Num. 14732 Anno 2019
Presidente: DIDONE ANTONIO
Relatore: AMATORE ROBERTO
Data pubblicazione: 29/05/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
avverso il decreto del TRIBUNALE DI RAVENNA, depositato in data
06/04/2017;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 03/04/2019
dal Consigliere dott. Roberto Amatore ;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Anna Maria
Soldi, che ha chiesto dichiararsi inammissibile il ricorso, pronunciandosi,
altresì,
ex
art. 363 cod. proc. civ., il principio di diritto sulla questione
giuridica ad esso sottesa;
udita, per il ricorrente, l'Avv. D. P. Valtancoli, che ha chiesto accogliersi il
proprio ricorso;
uditi, per il controricorrente, gli Avv.ti G. Fabbri e F. Corsini, che hanno
chiesto respingersi l'avverso ricorso.
Fatti di causa
BERNABE' FABRIZIO ha proposto ricorso per cassazione, affidato a tre
motivi, avverso il decreto del tribunale di Ravenna di rigetto dell'opposizione
da lui promossa contro lo stato passivo della liquidazione coatta
amministrativa del Consorzio Trasporti Faenza soc. coop. p.a. (d'ora in
avanti semplicemente Consorzio), avente a oggetto l'insinuazione, in
prededuzione, di parte del credito, già ammesso in via privilegiata ex art.
2751-bis, n. 5, cod. civ., per servizi di trasporto resi in favore del Consorzio
dopo la presentazione, a opera di quest'ultimo, di una domanda di
ammissione al concordato preventivo con riserva, poi rinunciata.
Il commissario liquidatore ha resistito con controricorso.
Avviata in un primo momento alla trattazione camerale dinanzi alla
Sesta sezione civile, la causa è stata rimessa in pubblica udienza avanti a
questa Sezione con ordinanza interlocutoria n. 23213 del 2018.
Le parti hanno depositato memorie.
Ragioni della decisione
I. - Il tribunale di Ravenna ha ritenuto: (i) inapplicabile, nella specie,
l'invocato principio di consecuzione delle procedure, poiché la domanda ex
art. 161, sesto comma, legge fall., non corredata, nel termine a tal fine
2
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA