Sentenza Nº 14027 della Corte Suprema di Cassazione, 07-05-2020

Data di Resoluzione:07 Maggio 2020
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da
Crosta Massimiliano, nato a Castano Primo il 11/01/1964
avverso la sentenza del 19/12/2018 della Corte di appello di Milano
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Michele Romano;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Paola
Filippi, che ha concluso chiedendo che il ricorso sia dichiarato inammissibile;
RITENUTO IN FATTO
1. Con la sentenza in epigrafe la Corte di appello di Milano ha parzialmente
riformato la sentenza del 12 luglio 2018 del Giudice dell'udienza preliminare del
Tribunale di Milano che, per quanto di interesse in questa sede, ha affermato la
penale responsabilità di Massimiliano Crosta per il delitto di bancarotta
fraudolenta documentale, commesso quale legale rappresentante della Job
Project s. coop. a r. I. dichiarata fallita il 13 dicembre 2012, e, applicate le
attenuanti generiche e la diminuzione di pena per la scelta del rito abbreviato, lo
ha condannato alla pena di giustizia ed alle pene accessorie di cui all'ultimo
comma dell'art. 216 r.d. n. 267 del 1942, la cui durata è stata fissata in anni
dieci.
Penale Sent. Sez. 5 Num. 14027 Anno 2020
Presidente: PEZZULLO ROSA
Relatore: ROMANO MICHELE
Data Udienza: 21/02/2020
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA