Sentenza Nº 11914 della Corte Suprema di Cassazione, 10-04-2020

Data di Resoluzione:10 Aprile 2020
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
BARDINI FABIO nato a MANTOVA il 08/03/1962
avverso la sentenza del 29/10/2018 della CORTE APPELLO di BRESCIA
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Grazia Miccoli;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Antonietta Picardi, che ha
concluso chiedendo il rigetto del ricorso
udito il difensore avv. Gaetano Alaia, che ha concluso chiedendo l'accoglimento del ricorso
RITENUTO IN FATTO
1.
Con sentenza del 29 ottobre 2018 la Corte di Appello di Brescia ha confermato la pronunzia
del Tribunale di Mantova con la quale - per quanto qui di interesse - Fabio BARDINI era stato
dichiarato colpevole dei reati di cui agli artt. 479 e 476 cod. pen.
1.1.
Al BARDINI, Sovrintendente della Polizia di Stato in servizio presso la Seconda
Sezione dell'Ufficio Immigrazione della questura di Mantova, era stato ascritto (al capo A delle
imputazioni) il reato di cui all'art. 479 cod. pen. per avere, nell'esercizio delle sue funzioni di
incaricato (cd. decretatore) alla verifica delle istanze presentate e del possesso dei requisiti per
l'ottenimento dei permessi di soggiorno nonché dell'apposizione del conseguente parere di
conformità che certifica la regolarità istruttoria, attestato falsamente fatti dei quali il visto del
1
Penale Sent. Sez. 5 Num. 11914 Anno 2020
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: MICCOLI GRAZIA
Data Udienza: 15/11/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA