Sentenza Nº 07569 della Corte Suprema di Cassazione, 18-03-2019

Data di Resoluzione:18 Marzo 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso 14194-2014 proposto da:
MARRA VINCENZO e MARRA FILOMENA, quali figli ed eredi di
D'ALESSANDRO ROSA, rappresentati e difesi dall'Avvocato
NICOLA GULFO ed elettivamente domiciliato a Roma, via A.
Brofferio 7, presso lo studio dell'Avvocato GIULIO MURANO,
per procura speciale a margine del ricorso
- ricorrenti -
contro
D'ALESSANDRO MARGHERITA e D'ALESSANDRO OSVALDO,
rappresentati e difesi dall'Avvocato ROBERTO DE PAOLA ed
elettivamente domiciliati a Roma, via Francesco Valesio 1,
presso lo studio dell'Avvocato EUGENIO PACE, per procura
speciale a margine del controricorso
- controricorrenti —
nonché
Civile Sent. Sez. 2 Num. 7569 Anno 2019
Presidente: GORJAN SERGIO
Relatore: DONGIACOMO GIUSEPPE
Data pubblicazione: 18/03/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
2
D'ALESSANDRO ANTONIO, D'ALESSANDRO MARCO e COPPOLA
ERSILIA, rappresentati e difesi dall'Avvocato ENRICO ZACCONE
e dall'Avvocato CAROLINA VALENSISE, presso il cui studio a
Roma, via Monte delle Gioie 13, elettivamente domiciliano, per
procura speciale a margine del controricorso
-
controricorrenti
-
avverso la sentenza n. 257/2013 del TRIBUNALE DI MATERA,
depositata il 19/3/2013;
udita la relazione della causa svolta nell'udienza pubblica del
27/11/2018 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE DONGIACOMO;
sentito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto
Procuratore Generale della Repubblica, Dott. ALBERTO
CELESTE, il quale ha chiesto l'inammissibilità o, in subordine, il
rigetto;
sentito, per i ricorrenti, l'Avvocato GIULIO MURANO;
sentito, per i controricorrenti Antonio D'Alessandro, Marco
D'Alessandro ed Ersilia Coppola, l'Avvocato CAROLINA
VALENSISE.
FATTI DI CAUSA
Rosa D'Alessandro, con citazione del 23/9/1998, dopo
aver premesso di essere la figlia dei coniugi Antonio
D'Alessandro e Maria Teresa Digno nonché sorella di
Margherita D'Alessandro, Salvatore D'Alessandro e Osvaldo
Domenico D'Alessandro, ha dedotto che: - suo padre, Antonio
D'Alessandro, al momento del decesso, avvenuto il 28/1/1981,
era proprietario di un fabbricato in Tursi, via Francia 59,
composto da tre piani fuori terra, di cui due adibiti a civili
abitazioni; - i lavori per la realizzazione di tale immobile, durati
circa un anno, sono stati eseguiti dalla ditta Ferrara Salvatore,
Giuseppe e Pasquale; - l'attrice ha sopportato il costo per la
realizzazione dell'intero piano terra, adibito a magazzino; - il
fabbricato, dopo la morte del proprietario, era stato donato
Ric. 2014 n. 14194 Sez. 2 PU 27 novembre 2018
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA