La risoluzione alternativa delle controversie nella prassi e nelle fonti

Autore:Salvatore Antonello Parente
Pagine:15-27
 
ESTRATTO GRATUITO
15
CAPITOLO PRIMO
LA RISOLUZIONE ALTERNATIVA DELLE CONTROVERSIE
NELLA PRASSI E NELLE FONTI
SOMMARIO: 1. La diffusione degli strumenti alternativi di risoluzione delle
liti: le procedure ADR (Alternative Dispute Resolution), i programmi di
arbitraggio, i giudizi arbitrali, le tecniche di conciliazione, i modelli di
mediazione e gli altri strumenti di composizione rimessi all’autonomia
negoziale. - 2. Gli strumenti designati con l’acronimo ADR: i «mezzi
decisori» e i «mezzi non decisori» di composizione della controversia. -
3. Il negoziato quale tipologia procedimentale di interazione tra soggetti,
finalizzata alla gestione di un affare o di una contrattazione, connotata
dai requisiti della rapidità e dell’economicità. - 4. La composizione delle
liti tramite mediazione. Le fasi della procedura di mediazione: la pre-
negotiation; la negotiation; la post-negotiation. La «mediazione finaliz-
zata alla conciliazione». - 5. La procedura di conciliazione come forma
peculiare di risoluzione delle controversie che si realizza attraverso la
manifestazione della volontà delle parti. - 6. La risoluzione delle contro-
versie mediante arbitrato: l’arbitrato rituale e l’arbitrato irrituale. La
struttura dell’arbitrato e il lodo arbitrale.
1. La diffusione degli strumenti alternativi di risoluzione delle liti:
le procedure ADR (Alternative Dispute Resolution), i pro-
grammi di arbitraggio, i giudizi arbitrali, le tecniche di conci-
liazione, i modelli di mediazione e gli altri strumenti di compo-
sizione rimessi all’autonomia negoziale.
Negli assetti della prassi e delle fonti, la tecnica della concilia-
zione ha assunto ormai il ruolo di strumento paradigmatico di una
tendenza diffusa volta a perseguire il favor conciliationis tramite
modelli inusitati di superamento dei conflitti, che perseguono fina-
lità deflattive e sono diretti a ridimensionare la mole del contenzioso
pendente davanti agli uffici giudiziari.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA