Deposito somme riscosse presso conto corrente dell'ufficio postale (art. 34 R.D. 16 marzo 1942, n. 267)

Autore:Cinzia De Stefanis
Aggiornato al:Marzo 2008
 
ESTRATTO GRATUITO

Page 112

Al 1responsabile dell'ufficio postale di . . . via . . . n. . . .

. . .

Il sottoscritto curatore . . .

Premesso - che in data . . . riceveva tramite posta ordinaria assegno circolare non trasferibile n. . . . di euro . . . = (euro . . .) intestato a ". . . Srl", emesso dalla

Banca . . . Spa causale . . .; - che trattasi delle prime somme acquisite all'attivo della procedura; - che si rende pertanto necessario depositare tale somma entro dieci giorni dalla corresponsione presso il conto corrente intestato alla procedura fallimentare;

Tutto ciÚ premesso

Deposita Presso codesto spettabile ufficio postale presso il c/c n. . . . intestato al fallimento . . . la somma sopra indicata.

Con ossequi. Page 113

Si allega: copia assegno circolare n. . . . della Banca . . . Spa.

. . ., . . .

Il curatore . . .

------------------------

[1] Viene sostituito il termine originario di cinque giorni previsto in materia di deposito delle somme riscosse, con la previsione dell'obbligo di depositare le somme riscosse nel termine indicato dal giudice e presso l'ufficio postale o bancario presso cui accendere il deposito fallimentare individuato dal curatore. Al secondo comma dell'art. 34 L.F. come sostituito dal D.L.vo 9 gennaio 2006, n. 5 viene precisato che la mancata costituzione del deposito nel termine innanzi detto Ë "valutata" dal tribunale ai fini della...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA