Riflessioni conclusive

Autore:Michele Rubino - Filippo Vitolla
Pagine:145-147
 
ESTRATTO GRATUITO
RIFLESSIONI CONCLUSIVE
Lo studio sin qui condotto ha permesso di evidenziare la rilevanza as-
sunta dai sistemi di gestione e controllo del sistema informativo e il contri-
buto che gli stessi apportano all’azienda nel suo complesso e, nello speci-
co, al raggiungimento degli obiettivi di controllo interno. Il successo delle
imprese, nel medio-lungo termine, dipende sempre più dalla capacità del
vertice aziendale di governare un perimetro di rischi sempre più vasto. A
tal ne, un buon sistema informativo, nalizzato a fornire le informazio-
ni necessarie, nel tempo e nei modi richiesti, assume un ruolo cruciale.
L’Information Technology, lungamente considerata solo come fattore se-
condario e di contesto della gestione operativa, deve ora essere valutata
come elemento fondamentale anche a livello strategico, quale componente
basilare di un buon sistema informativo. I processi critici di business sono
ormai sorretti, in maniera preponderante, da informazioni digitali e siste-
mi IT. Tuttavia, la rilevanza e la criticità dei sistemi informativi si riettono
anche sui rischi del sistema aziendale, con particolare riferimento all’IT. Il
governo dell’IT, e più in generale del sistema informativo, sta diventando
un elemento sempre più importante nell’ambito della governance azien-
dale, in quanto assicura ecaci ed ecienti miglioramenti nei processi.
Nei nuovi contesti competitivi sono richiesti norme e controlli più rigo-
rosi sulle informazioni, al ne di assicurare un governo più ecace dell’a-
zienda. Questa, in ultima analisi, considerato l’ambito in cui si colloca il
presente lavoro, può essere vista come un usso continuo di informazioni
che si concretizzano in scelte ed azioni. L’idea che “la conveniente gestio-
ne aziendale” non può avere compimento quando manchino le sucienti
conoscenze dei fenomeni di azienda e di mercato, ossia quando non siano
note le circostanze nelle quali si svolge la gestione (Zappa, 1956), consente

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA