n. 38 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 5 giugno 2014 -

 
ESTRATTO GRATUITO

Per il Presidente del Consiglio dei Ministri (80188230587) in carica, rappresentato e difeso dall'Avvocatura Generale dello Stato (C.F. 80224030587 - per il ricevimento degli atti: FAX 06/96514000 e PEC "agsrm@mailcert.avvocaturastato.it"), presso i cui Uffici ha legale domicilio in Roma, via dei Portoghesi n. 12 nei confronti della Regione Veneto, in persona del Presidente della Giunta Regionale, per la carica domiciliato in Venezia, Palazzo Balbi - Dorsoduro, 3901 - 30123 Venezia per la declaratoria di illegittimita' costituzionale degli articoli 65, 19 e 56, commi l e 4, della legge della Regione Veneto n. 11 del 2 aprile 2014, pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione n. 36 del giorno 3 aprile 2014, recante "Legge finanziaria regionale per l'esercizio 2014", giusta delibera del Consiglio dei Ministri del giorno 22 maggio 2014. La legge della Regione Veneto n. 11 del 2/4/2014 "Legge Finanziaria regionale 2014", pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione n. 36 del giorno 3 aprile 2014, all'art. 65 "Tutela della rete ecologica regionale "Natura 2000" ha previsto che, in attesa di un'organica disciplina regionale dei compiti e delle funzioni amministrative in materia di tutela della biodiversita', sono previste speciali misure a tutela della rete ecologica regionale "Natura 2000" al fine di dare attuazione agli obblighi derivanti dalla normativa comunitaria e nazionale in materia di conservazione degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche. Il successivo comma due del medesimo articolo ha cosi' disposto: "2. Per le finalita' di cui al comma 1 la Giunta regionale, prioritariamente con riferimento al territorio montano, definisce per gli interventi di seguito elencati, considerati per le loro caratteristiche intrinseche di rilevante interesse pubblico, specifiche linee guida di carattere tecnico-progettuale contenenti i criteri affinche' l'attuazione di detti interventi non sia assoggettata a valutazione di incidenza ambientale (VINCA): a) interventi di realizzazione e manutenzione delle opere di difesa idrogeologica realizzati con tecniche di ingegneria naturalistica;

  1. interventi di pianificazione e gestione forestale sostenibile;

  2. interventi di natura agro climatico ambientale finanziati con la programmazione comunitaria;

  3. interventi non produttivi in materia agro ambientale finanziati con la programmazione comunitaria;

  4. lavori di pronto intervento idrogeologico realizzati in regime di somma urgenza;

  5. interventi di difesa fitosanitaria e lotta attiva agli incendi boschivi." L'art. 19 della Legge regionale n. 11 del 2014, "Realizzazione di...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA