LEGGE REGIONALE 7 febbraio 2012, n. 1 - Norme per sostenere lo sviluppo delle micro, piccole e medie imprese liguri.

 
ESTRATTO GRATUITO

(Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Liguria n. 1 del 15 febbraio 2012) IL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA HA approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

la seguente legge regionale:

Art. 1

Principi generali 1. La Regione Liguria riconosce la centralita' delle micro, piccole e medie imprese, di seguito denominate MPMI, per la crescita economica e produttiva del territorio ligure e fonda la propria politica di marketing territoriale sulla valorizzazione delle loro potenzialita' di crescita ed innovazione, al fine di aiutarle a cogliere le opportunita' della globalizzazione e delle nuove politiche ambientali.

  1. La presente legge, in attuazione dei principi contenuti nella comunicazione della Commissione europea COM (2008) 394 del 25 giugno 2008 (Una corsia preferenziale per la piccola impresa - Alla ricerca di un nuovo quadro fondamentale per la piccola impresa (uno Small Business Act' per l'Europa)), nella direttiva attuativa del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 maggio 2010 e nella comunicazione della Commissione europea COM (2011) 78 del 23 febbraio 2011 (Riesame dello 'Small Business Act' per l'Europa), mira a sostenere la qualificazione e lo sviluppo delle MPMI liguri e a rafforzarne la competitivita' anche sui mercati esteri, creando un contesto normativo ed economico favorevole all'imprenditorialita', sulla base di regole conformi al principio 'Pensare anzitutto al piccolo'.

    Art. 2

    Definizioni 1. Si definiscono MPMI, in conformita' a quanto stabilito nella raccomandazione della Commissione europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003 relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese, recepita con decreto del Ministero delle attivita' produttive 18 aprile 2005 (Adeguamento alla disciplina comunitaria dei criteri di individuazione di piccole e medie imprese), le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

    1. sono micro imprese le imprese con meno di dieci occupati e un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro;

    2. sono piccole imprese le imprese con meno di cinquanta occupati e un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro;

    3. sono medie imprese le imprese con meno di duecentocinquanta occupati e un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro.

  2. Si definiscono imprese giovanili le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

    1. le imprese individuali il cui titolare abbia un'eta' non superiore ai trentacinque anni;

    2. le societa' i cui rappresentanti legali e almeno il 50 per cento dei soci, detentori del 51 per cento del capitale sociale, abbiano un'eta' non superiore ai trentacinque anni;

    3. le societa' cooperative in cui la maggioranza dei soci cooperatori, che siano altresi' soci lavoratori, abbia un'eta' non superiore ai trentacinque anni.

  3. Si definiscono imprese femminili le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

    1. le imprese individuali il cui titolare sia una donna;

    2. le societa' i cui rappresentanti legali e almeno il 50 per cento dei soci, detentori del 51 per cento del capitale sociale, siano donne;

    3. le societa' cooperative in cui la maggioranza dei soci cooperatori, che siano altresi' soci lavoratori, siano donne.

      Art. 3

      Strumenti per una politica a favore delle MPMI 1. Al fine di favorire il potenziamento e la qualificazione delle MPMI liguri e rafforzarne la competitivita' sui mercati, la Regione promuove le seguenti azioni:

    4. la semplificazione del contesto legislativo e amministrativo e la riduzione degli oneri amministrativi, anche sulla base della concertazione con le associazioni rappresentative del mondo imprenditoriale di cui all'art. 4, comma 4;

    5. il miglioramento del sistema pubblico di informazione dedicato alle imprese e del sistema dei rapporti tra pubblica amministrazione e imprese, favorendo in particolare l'accesso delle MPMI agli appalti pubblici, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale;

    6. la predisposizione di misure di sostegno e di incentivazione, specie con riguardo all'accesso al credito e agli interventi di finanza strutturata, nonche' la creazione di condizioni piu' favorevoli per la ricerca...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA