DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 Novembre 2007 - Definizione dei rapporti del Ministero del lavoro e della previdenza sociale e della solidarieta'' sociale, relativi all''Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori (ISFOL), a Italia Lavoro S.p.A. e dell''Istituto italiano di medicina sociale (IIMS).

 
ESTRATTO GRATUITO

IL PRESIDENTE

DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

di concerto con

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

E DELLE FINANZE

Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, recante "Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri" che ha, tra l'altro, istituito in luogo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero del lavoro e della previdenza sociale e il Ministero della solidarieta' sociale;

Visto, in particolare, l'art. 1, comma 10, della citata legge n. 233/2006 che ha previsto che con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, d'intesa con il Ministro dell'economia e delle finanze e sentiti i Ministri interessati, si procede all'immediata ricognizione in via amministrativa delle strutture trasferite ai sensi della stessa legge, nonche' all'individuazione, in via provvisoria, del contingente minimo degli uffici strumentali e di diretta collaborazione, garantendo in ogni caso l'invarianza, della spesa;

Visto il decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 419 e, in particolare, l'art. 10, comma 1, che individua l'Istituto per lo sviluppo e la formazione professionale dei lavoratori (ISFOL) quale ente di ricerca, dotato di indipendenza di giudizio e di autonomia scientifica, metodologica, organizzativa, amministrativa e contabile, sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e della previdenza sociale;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19 marzo 2003, che approva il nuovo statuto dell'ISFOL;

Visto l'art. 30 della legge 28 dicembre 2001, n. 448 (legge finanziaria 2001) il quale prevede che il Ministero del lavoro e delle politiche sociali si avvale di Italia Lavoro per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche attive del lavoro e dell'assistenza tecnica ai servizi per l'impiego, assegnandole direttamente, con provvedimento amministrativo, funzioni, servizi e risorse relativi a tali compiti;

Visto l'art. 7-terdecies, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 marzo 2005, n. 43 e, in particolare, il comma 1, il quale dispone, tra l'altro, che il Ministero del lavoro, nell'esercizio delle proprie funzioni in materia di politiche del lavoro, dell'occupazione, della tutela dei...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA