Proposta di riconoscimento della denominazione d'origine protetta

 
ESTRATTO GRATUITO

Il Ministero delle politiche agricole e forestali esaminata l'istanza intesa ad ottenere la protezione della denominazione d'origine protetta «Castagna dei Monti Cimini», ai sensi del Reg. (CEE) n. 2081/92 del Consiglio del 14 luglio 1992, presentata dal Comitato Promotore per la D.O.P. della Castagna e Marrone dei Monti Cimini con sede in Viterbo, via Alcide De Gasperi n. 1 esprime parere favorevole e formula la proposta di disciplinare di produzione nel testo di seguito riportato.

Le eventuali osservazioni, adeguatamente motivate, relative alla presente proposta dovranno essere presentate, nel rispetto della disciplina fissata dal decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642 «disciplina dell'imposta di bollo» e successive modifiche, al Ministero delle politiche agricole e forestali - Dipartimento delle politiche di sviluppo - Direzione generale per la qualita' dei prodotti agroalimentari - QPA III, via XX Settembre n. 20 - 00187 Roma, entro trenta giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana della presente proposta, dai soggetti interessati e costituiranno oggetto di opportuna valutazione da parte del predetto Ministero, prima della trasmissione della suddetta proposta di riconoscimento alla Commissione europea.

Decorso tale termine, in assenza delle suddette osservazioni o dopo la loro valutazione ove pervenute, la predetta proposta sara' notificata, per la registrazione ai sensi dell'art. 5 del regolamento (CEE) n. 2081/92, ai competenti organi comunitari.

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

Castagna dei Monti Cimini

D.O.P.

Art. 1.

Denominazione e sua tutela

La denominazione di origine protetta «Castagna dei Monti Cimini» e' riservata alle castagne che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.

Art. 2.

Descrizione del prodotto

La denominazione di origine protetta «Castagna dei Monti Cimini» designa le castagne fresche, essiccate o surgelate, prodotte nella zona delimitata al successivo art. 3 e riferibili alla specie Castanea sativa Miller, ecotipo locale «Castagna domestica dei Monti Cimini», e cultivar «Marrone fiorentino», «Marrone primaticcio o premutico».

All'atto dell'immissione al consumo la «Castagna dei Monti Cimini» DOP presenta le seguenti caratteristiche:

numero di frutti per riccio (o cardo): da 1 a 3;

pezzatura:

fiore

fino a 65 acheni/kg di prodotto fresco;

grossa

da 66 a 75 acheni/kg di prodotto fresco;

media

da 76 a 90 acheni/kg di prodotto fresco;

medio-piccola

da 91 a 100 acheni/kg di prodotto fresco;

piccola

› 100 acheni/kg di prodotto fresco;

forma: tondeggiante o ellittica;

apice: appuntito;

pericarpo (buccia): di colore marrone uniforme, con striature piu' scure, facilmente distaccabile;

episperma (pellicola): di colore fulvo chiaro o giallognolo;

cicatrice ilare: ellittica o rettangolare;

seme: di colore dal crema chiaro al bianco con solcature in superficie;

sapore: dolce.

Art. 3.

Delimitazione area di produzione

La zona di produzione della «Castagna dei Monti Cimini» DOP interessa i seguenti comuni della provincia di Viterbo: Canepina (intero), Capranica (parte), Caprarola (intero), Carbognano (parte), Fabrica di Roma (parte), Ronciglione (parte), Soriano nel Cimino (parte), Vetralla (parte), Vignanello (parte), Viterbo (parte), Vitorchiano (parte).

La delimitazione dell'areale interessato e' il seguente: partendo dalla stazione di Ronciglione si percorre, direzione Cassia, la SP Cimina per circa 1.800 m fino all'intersezione con la isoipsa di 350 m slm. Si segue questa in direzione Ovest, fino ad incrociare la SP Beccacceto, che si percorre, direzione Sud, fino al bivio con la SP Pisciarella. Si segue questa provinciale fino ad incontrare la ferrovia Capranica-Orte. Si prende a seguire questa, direzione Roma, fino all'intersezione con la ferrovia Viterbo-Roma, in prossimita' di Capranica; si segue questo tratto ferroviario fino ad incontrare la stazione di Porta Romana. Da qui si prende a seguire, in direzione Nord, la...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA