Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 1999 e bilancio pluriennale per il triennio 1999-2001.

 
ESTRATTO GRATUITO

"Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 1999 ebilancio pluriennale per il triennio 1999-2001"pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30 dicembre 1998- Supplemento Ordinario n. 211 Art. 1.(Stato di previsione dell'entrata e disposizioni relative)1. L'ammontare delle entrate previste per l'anno finanziario 1999,relative a imposte, tasse, contributi di ogni specie e ogni altro provento, accertate,riscosse e versate nelle casse dello Stato, in virtù di leggi, decreti, regolamenti e diogni altro titolo, risulta dall'annesso stato di previsione dell'entrata (Tabella n. 1).Art. 2.(Stato di previsione della Presidenza del Consiglio dei ministri e disposizionirelative)1. Sono autorizzati l'impegno e il pagamento delle spese dellaPresidenza del Consiglio dei ministri e degli organi dipendenti, per l'anno finanziario1999, in conformità dell'annesso stato di previsione (Tabella n. 2).2. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazioneeconomica è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla ripartizione su altreunità previsionali di base, dello stato di previsione della Presidenza del Consiglio deiministri per l'anno 1999, del fondo per l'attuazione della legge 23 agosto 1988, n. 400,iscritto nell'ambito dell'unità previsionale di base "Segretariato"(funzionamento) di pertinenza del centro di responsabilità "Segretariatogenerale" dello stato di previsione medesimo.3. Le somme dovute dagli istituti di credito ai sensi dell'articolo 33della legge 5 agosto 1981, n. 416, sono versate nell'ambito della unità previsionale dibase "Restituzioni, rimborsi, recuperi e concorsi vari" di pertinenza del centrodi responsabilità "Segretariato generale" (Presidenza del Consiglio deiministri) dello stato di previsione dell'entrata, per essere correlativamente iscritte, intermini di competenza e cassa, con decreti del Ministro del tesoro, del bilancio e dellaprogrammazione economica, nell'ambito dell'unità previsionale di base "Impreseradiofoniche ed editoriali" (investimenti) di pertinenza del centro diresponsabilità "Informazione e editoria" dello stato di previsione dellaPresidenza del Consiglio dei ministri.4. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazioneeconomica è autorizzato ad apportare, con propri decreti, in termini di residui,competenza e cassa, le variazioni compensative di bilancio occorrenti per l'attuazionedell'articolo 127 del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacentie sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati ditossicodipendenza, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990,n. 309.5. Ai fini dell'attuazione della legge 15 dicembre 1990, n. 396, ilMinistro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica è autorizzato aripartire, con propri decreti, in termini di residui, competenza e cassa, su altre unitàprevisionali di base, delle Amministrazioni interessate, il fondo per gli interventi perRoma capitale iscritto nell'ambito dell'unità previsionale di base "Fondo per Romacapitale" (investimenti) di pertinenza del centro di responsabilità "Romacapitale" dello stato di previsione della Presidenza del Consiglio dei ministri.6. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazioneeconomica è autorizzato a ripartire, con propri decreti, il fondo per l'attivitàstatistica nazionale iscritto nell'ambito dell'unità previsionale di base"Segretariato" (funzionamento) di pertinenza del centro di responsabilità"Segretariato generale" dello stato di previsione della Presidenza del Consigliodei ministri.7. In attuazione di quanto disposto dall'articolo 19 della legge 24febbraio 1992, n. 225, istitutiva del Servizio nazionale della protezione civile, le sommeiscritte nell'unità previsionale di base "Fondo per la protezione civile"(investimenti) di pertinenza del centro di responsabilità "Protezione civile"dello stato di previsione della Presidenza del Consiglio dei ministri per l'annofinanziario 1999, possono essere ripartite, in relazione al tipo di intervento previsto,con decreti del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, traaltre unità previsionali di base, del medesimo centro di responsabilità.8. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazioneeconomica è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione nell'ambitodell'unità previsionale di base "Funzionamento" di pertinenza del centro diresponsabilità "Pari opportunità" dello stato di previsione della Presidenzadel Consiglio dei ministri, per l'anno finanziario 1999, delle somme affluite all'entratadel bilancio dello Stato per contributi destinati dall'Unione europea alle attività postein essere dalla Commissione nazionale per la parità e le pari opportunità tra uomo edonna in accordo con l'Unione europea.9. Ai fini dell'attuazione della legge 3 agosto 1998, n. 267, ilMinistro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica è autorizzato aripartire, con propri decreti, su altre unità previsionali di base, le somme iscrittenell'unità previsionale di base "Potenziamento servizi e strutture" (onericomuni) di pertinenza del centro di responsabilità "Servizi tecnici" dellostato di previsione della Presidenza del Consiglio dei ministri.Art. 3.(Stato di previsione del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazioneeconomica e disposizioni relative)1. Sono autorizzati l'impegno e il pagamento delle spese del Ministerodel tesoro, del bilancio e della programmazione economica per l'anno finanziario 1999, inconformità dell'annesso stato di previsione (Tabella n. 3).2. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazioneeconomica è autorizzato a ripartire, con propri decreti, fra gli stati di previsionedelle varie Amministrazioni statali i seguenti specifici fondi da ripartire di pertinenzadel centro di responsabilità "Ragioneria generale dello Stato" dello stato diprevisione del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica perl'anno finanziario 1999: Fondo da ripartire per fronteggiare spese derivanti daeccezionali inderogabili esigenze di servizio, Fondo da ripartire per l'attuazione deicontratti delle Amministrazioni statali anche ad ordinamento autonomo, Fondo da ripartireper la concessione dei buoni pasto, Fondo da ripartire per l'iscrizione agli albiprofessionali e per le polizze assicurative degli incaricati della progettazione di operepubbliche, Fondo da ripartire per l'attribuzione dell'assegno per il nucleo familiare eFondo da ripartire per oneri del personale già dipendente da istituti finanziarimeridionali da assumere nelle amministrazioni pubbliche ed in enti pubblici non economici,iscritti, per competenza e cassa, nell'ambito dell'unità previsionale di base"Personale" (oneri comuni); Fondo occorrente per il funzionamento dei programmidi infrastrutture da eseguire nel quadro degli accordi di comune difesa iscritto, percompetenza e cassa, nell'ambito delle unità previsionali di base "Accordi eorganismi internazionali" (interventi); Fondo occorrente per l'attuazionedell'ordinamento regionale delle regioni a statuto speciale iscritto, per competenza ecassa, nell'ambito dell'unità previsionale di base "Fondo attuazione ordinamentoregioni a statuto speciale" (interventi); Fondo da ripartire in favore dei militariinfortunati o caduti durante il periodo di servizio e dei loro superstiti e Sommaoccorrente per gli interventi volti a favorire la cessione incentivata di impresaiscritti, per competenza e cassa, nell'ambito dell'unità previsionale di base"Interventi diversi" (interventi); Fondo da ripartire per l'attuazione deglischemi di cui all'articolo 31 della legge 18 maggio 1989, n. 183, iscritto, per competenzae cassa, nell'ambito dell'unità previsionale di base "Difesa del suolo"(investimenti); Fondo da ripartire in relazione alle intese istituzionali di programmaiscritto, per competenza e cassa, nell'ambito dell'unità previsionale di base"Intese istituzionali di programma" (investimenti); Fondo da ripartire per leoccorrenze relative al territorio di Trieste iscritto, per competenza e cassa, nell'ambitodell'unità previsionale di base "Fondo per gli interventi nel territorio diTrieste" (investimenti) e Fondo da ripartire per l'attuazione delle iniziative edegli interventi di collaborazione con i Paesi dell'Europa centro-orientale iscritto, percompetenza e cassa, nell'ambito dell'unità previsionale di base "Accordi edorganismi internazionali" (investimenti). Il Ministro del tesoro, del bilancio edella programmazione economica è, altresì, autorizzato ad apportare, con propri decreti,ai bilanci delle aziende autonome le variazioni connesse con le ripartizioni di cui alpresente comma.3. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazioneeconomica, sentiti i Ministri dei trasporti e della navigazione e della difesa, èautorizzato a provvedere, con propri decreti, al trasferimento alle unità previsionali dibase dello stato di previsione del Ministero della difesa, per l'anno finanziario 1999,dello specifico stanziamento iscritto, per competenza e cassa, nell'ambito dell'unitàprevisionale di base "Ente nazionale di assistenza al volo" (interventi) dipertinenza del centro di responsabilità "Tesoro" dello stato di previsione delMinistero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, in relazioneall'effettivo fabbisogno dipendente dal trasferimento dal predetto Ministero della difesaall'"Ente nazionale di assistenza al volo", delle funzioni previste dagliarticoli 3 e 4 del decreto del Presidente della Repubblica 24 marzo 1981, n. 145.4. L'importo massimo di emissione di titoli pubblici, in Italia eall'estero, al netto di quelli da rimborsare e di quelli per regolazioni debitorie, èstabilito in lire 45.210 miliardi.5. Il limite degli impegni assumibili dalla Sezione speciale perl'assicurazione del credito all'esportazione (SACE) per la garanzia di durata sino aventiquattro mesi, di cui all'articolo 17, lettera a), della...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA