Premessa

Autore:Gianluca Selicato
Pagine:11-15
 
ESTRATTO GRATUITO
11
PREMESSA
Offrendo nuovi spunti di riflessione in ordine al ruolo delle
predeterminazioni normative e, più in generale, sui meccanismi in-
ferenziali di stima reddituale, la novella dell’accertamento sintetico
ad opera del DL 31 maggio 2010, n. 78, e le vicende che ne hanno
interessato la disciplina attuativa forniscono impulso ad un recupe-
ro d’attenzione per le teorie sui metodi di accertamento già assesta-
te nel sistema dell’antecedente formulazione dell’art. 38 del DPR n.
29 settembre 1973, n. 600. Complici le soluzioni inizialmente con-
tenute nel decreto del Ministero dell’economia del 24 dicembre
2012, l’intervento riformatore ha infatti indotto la dottrina, fin dai
primi approfondimenti, a domandarsi se potessero risultare scalfite
le tesi contrarie all’interferenza tra stime reddituali e presupposto
impositivo che costituirono un solido punto d’arrivo degli studi sul
vecchio redditometro.
Si tratta di un classico profilo d’indagine che non dovrebbe
esimersi dal considerare l’evoluzione in atto nelle tecniche di retti-
fica officiosa del reddito, nonostante tali vicende restino in molti
casi estranee alla disciplina giuridica del metodo. In questa prospet-
tiva, differente ma più ampia, risulta agevole apprezzare il contri-
buto che il diritto giurisprudenziale e il poliformismo giuridico of-
frono alla ricostruzione induttiva del reddito. Proliferano le presun-
zioni “a schema libero”; vi è una diffusa tendenza alla riqualifica-
zione della condotta del contribuente; taluni principi comunitari so-
no oggetto di discutibile declinazione. Vi è, poi, una marcata ten-
denza del legislatore a promuovere definizioni consensuali della
pretesa tributaria cui può corrispondere la rinuncia a riferire il pre-
lievo all’esatta misurazione della capacità contributiva.
La distanza che separa queste e altre soluzioni operative da un
sistema di regole e criteri sufficientemente definiti promana dal la-
borioso e incessante processo di conformazione della materia tribu-
taria alle trasformazioni della società e dell’economia che non la-
scia indenne nemmeno il presupposto oggettivo del tributo. Il fon-

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA