Ordinanza Nº 57253 della Corte Suprema di Cassazione, 19-12-2018

Data di Resoluzione:19 Dicembre 2018
 
ESTRATTO GRATUITO
ORDINANZA
sul ricorso proposto nell'interesse di:
Mouhib Nizar, nato a Modana il 7.3.1992,
contro la sentenza della Corte di Appello di Bologna del 27.6.2017;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere dott. Pierluigi Cianfrocca,
FATTO E DIRITTO
1.
Con sentenza del 27.6.2017, la Corte di Appello di Bologna ha
confermato quella con cui il Tribunale di Modena aveva riconosciuto Nizar Mouhib
responsabile di reati di furto aggravato e ricettazione (assolvendolo per i fatti di
tentata rapina e lesioni personali) e, ritenute le circostanze attenuanti generiche,
lo aveva condannato alla pena di anni 1 e mesi 10 di reclusione ed Euro 1.000 di
multa, oltre al pagamento delle spese processuali;
2.
ricorre per Cassazione, tramite il difensore, Mouhib Nizar lamentando:
2.1 violazione di legge con riferimento al disposto di cui all'art. 360 cpd.
proc. pen.: rileva, infatti, che la natura degli accertamenti eseguiti nonché, per
altro verso, la suscettibilità di mutamento della situazione dei reperto, avrebbero
imposto il ricorso alla procedura di cui all'art. 360 cod. proc. pen. trattandosi di
situazioni assimilabili a quelle richiamate dal disposto di cui all'art. 223 disp. att.
cod. proc. pen.;
2.2 erronea applicazione dell'art. 625 n. 4 cod. pen.: rileva che la Corte
ha ravvisato, nella condotta di esso ricorrente, la aggravante della "destrezza"
omettendo, tuttavia, di considerare quanto affermato dalle SS.UU. con sentenza
n. 34.090 del 2017 con riguardo al rilievo da attribuire alla possibile reazione
Penale Ord. Sez. 7 Num. 57253 Anno 2018
Presidente: DE CRESCIENZO UGO
Relatore: CIANFROCCA PIERLUIGI
Data Udienza: 08/11/2018
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA