N. 26 SENTENZA 12 - 26 gennaio 2011

 
ESTRATTO GRATUITO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

Presidente: Ugo DE SIERVO;

Giudici: Paolo MADDALENA, Alfio FINOCCHIARO, Alfonso QUARANTA, Franco GALLO, Luigi MAZZELLA, Gaetano SILVESTRI, Sabino CASSESE, Giuseppe TESAURO, Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO, Alessandro CRISCUOLO, Paolo GROSSI, Giorgio LATTANZI;

ha pronunciato la seguente

SENTENZA nel giudizio di ammissibilita', ai sensi dell'articolo 2, primo comma, della legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1, della richiesta di referendum popolare per l'abrogazione dell'art. 154, comma 1 (Tariffa del servizio idrico integrato), decreto legislativo del 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), limitatamente alla seguente parte: 'dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito', giudizio iscritto al n. 151 del registro referendum.

Vista l'ordinanza del 7 dicembre 2010 - integrata da quella del 15 dicembre 2010 - con la quale l'Ufficio centrale per il referendum presso la Corte di cassazione ha dichiarato conforme a legge la richiesta;

udito nella camera di consiglio del 12 gennaio 2011 il Giudice relatore Alessandro Criscuolo;

uditi gli avvocati Ugo Mattei per il Comitato referendario Siacquapubblica, Pietro Adami per l'Associazione Nazionale Giuristi Democratici, Federico Sorrentino per l' ANFIDA (Associazione Nazionale fra gli Industriali degli Acquedotti), Tommaso Edoardo Frosini e Giovanni Pitruzzella per il Comitato contro i referendum per la statalizzazione dell'acqua-AcquaLiberAtutti, Tommaso Edoardo Frosini per Fare Ambiente-Movimento ecologista europeo onlus, Massimo Luciani per i presentatori Carsetti Paolo, Barbera Guido e Valassina Antonio e l'Avvocato dello Stato Antonio Tallarida per il Presidente del Consiglio dei ministri.

Ritenuto in fatto 1. - L'Ufficio centrale per il referendum, costituito presso la Corte di cassazione ai sensi dell'art. 12 della legge 25 maggio 1970, n. 352 (Norme sui referendum previsti dalla Costituzione e sulla iniziativa legislativa del popolo), e successive modificazioni, con ordinanza pronunciata il 6 dicembre 2010, pervenuta a questa Corte il successivo 9 dicembre, ha dichiarato conforme alle disposizioni di legge, tra le altre, la richiesta di referendum popolare (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 1° aprile 2010, serie generale, n.76), promossa dal sig. Paolo Carsetti e altri, sul seguente quesito:

'Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell'art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 'Norme in materia ambientale', limitatamente alla seguente parte: 'dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito'?'.

  1. - L'Ufficio centrale ha attribuito al quesito il numero 3 e il seguente titolo: 'Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito.

    Abrogazione parziale di norma'.

  2. - Ricevuta comunicazione della suddetta ordinanza, il Presidente della Corte costituzionale ha fissato, per la conseguente deliberazione, la camera di consiglio del 12 gennaio 2011, disponendo che ne fosse data comunicazione ai presentatori della richiesta di referendum e al Presidente del Consiglio dei ministri, ai sensi dell'art. 33, secondo comma, della legge 25 maggio 1970, n. 352.

  3. - In data 23 dicembre 2010, i presentatori della richiesta hanno depositato, a norma dell'art. 33, terzo comma, della legge n.

    352 del 1970, una memoria a sostegno della ammissibilita' della richiesta referendaria, nella quale sottolineano, in primo luogo, la estraneita' del quesito ai limiti di cui all'art. 75, secondo comma, della Costituzione, non vertendosi in tema di leggi 'tributarie e di bilancio', ne' di 'autorizzazione a ratificare trattati internazionali', ne' di 'amnistia e indulto' e tantomeno di leggi 'collegate' a quelle espressamente sottratte al referendum abrogativo.

    In particolare, la disposizione oggetto del quesito non sarebbe una norma 'collegata a quella di bilancio', in quanto non incidente direttamente sul quadro delle 'coerenze macroeconomiche' ne' costituente elemento imprescindibile della manovra finanziaria.

    Quanto ai limiti esterni all'art. 75 Cost., i presentatori evidenziano come la norma in questione non sia a contenuto costituzionalmente vincolato, disponendo il legislatore di un'ampia discrezionalita' in materia di servizi pubblici locali, ne' tantomeno norma indefettibile per il funzionamento della macchina statale.

    Ad avviso dei presentatori, la richiesta sarebbe, poi, caratterizzata dalla chiarezza e univocita' del 'fine intrinseco' perseguito, diretto ad abrogare la sola previsione della 'rimunerativita'' della tariffa, stante la piena operativita' della normativa di...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA