n. 190 ORDINANZA (Atto di promovimento) 12 ottobre 2018 -

 
ESTRATTO GRATUITO

TRIBUNALE DI PALERMO Il Tribunale di Palermo - Prima Sezione Civile, riunito in camera di consiglio con l'intervento dei giudici: dott.ssa Caterina Grimaldi di Terresena Presidente dott. Giulio Corsini Giudice dott. Riccardo Trombetta Giudice rel. letti gli atti e i documenti di causa, ha pronunciato la seguente ordinanza nell'ambito dei riuniti procedimenti sommari di cognizione iscritti ai nn. 626 e 862 R.G. dell'anno 2018, tra C G , nato a il , e I P , nata a il ,elett.te dom.ti in , presso lo studio dell'avv. Giovanni Immordino, che li rappresenta e difende in uno agli avv.ti Giuseppe lmmordino e Giuseppe Nicastro, il tutto per procura speciale ad litem stesa a margine del ricorso introduttivo;

ricorrenti e R G , nato a il , rappresentato e difeso dagli avvocati Salvatore e Luigi Raimondi e Antonio Noto Sardegna, presso cui e' pure elettivamente domiciliato in Palermo. alla via Gaetano Abela n. 10, giusta procura speciale alle liti offerta in uno al ricorso;

ricorrente nonche' L G , nato a il , rappresentato e difeso dall'avv. Natale Bonfiglio, presso cui e' pure elettivamente domiciliato giusta procura in calce alla memoria per intervento ad adiuvandum depositata il 9.4.2018;

interveniente contro D D F , nato a il , rappresentato e difeso dagli avvocati Mario Caldarera e Antonia De Domenico, elettivamente domiciliato in Palermo, alla via Domenico Trentacoste n. 89/c presso il dott. Emanuele Allatta, il tutto giusta procura speciale alle liti offerta in uno alla comparsa di costituzione e risposta;

convenuto e nei confronti di Presidenza della Regione Siciliana, in persona del Presidente pro tempore, qui rappresentato dalla - e per legge domiciliato presso la - Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo, via Alcide De Gasperi n. 81;

convenuta Assessorato delle autonomie locali e della funzione pubblica della Regione Siciliana, in persona dell'Assessore pro tempore. qui rappresentato dalla - e per legge domiciliato presso la - Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo, via Alcide De Gasperi n. 81;

convenuta Assemblea regionale Siciliana, in persona del Presidente pro tempore, qui rappresentata dalla - e per legge domiciliata presso la - Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo, via Alcide De Gasperi n. 81;

convenuta Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Messina, in persona del prefetto pro tempore, qui rappresentato dalla - e per legge domiciliato presso la - Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo, via Alcide De Gasperi n. 81;

convenuta Commissione elettorale centrale circoscrizionale della Provincia di Messina, in persona del legale rappresentate pro tempore, qui rappresentata dalla Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo, con domicilio eletto alla via Alcide De Gasperi n. 81;

convenuta Commissione elettorale centrale regionale, in persona del legale rappresentate pro tempore. qui rappresentata dalla Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo, con domicilio eletto alla via Alcide De Gasperi n. 81;

convenuta con l'intervento del Pubblico Ministero, Osserva C G P , I P e R G , quali cittadini elettori della circoscrizione provinciale di Messina, esperiscono in questa sede azione popolare ai sensi dell'art. 22 del decreto legislativo n. 150/2011, chiedendo acclararsi, in primis, l'ineleggibilita' del proclamato deputato regionale D D, e cio' sia in forza della nuova disposizione di cui al comma l bis dell'art. 10 della legge regionale n. 29/1951, che prevede ora l'ineleggibilita' dei dirigenti degli enti non territoriali, anche senza scopo di lucro, che godono di contributi da parte della Regione Siciliana, che ai sensi dell'art. 8 comma l lett. d) del medesimo testo, il quale contempla parimenti l'insussistenza dell'elettorato passivo in capo ai dirigenti di enti soggetti a vigilanza e/o controllo della Regione. Espongono infatti: 1) che il suddetto e' stato confermato Direttore generale dell'Universita' degli studi di Messina per il periodo novembre 2015 - novembre 2018. posizione che lo colloca ai vertici dell'ente pubblico non territoriale quale responsabile del funzionamento degli uffici e della complessiva gestione ed organizzazione dei servizi;

2) che l'Universita' di Messina e' ope legis strutturalmente destinataria di molteplici contributi regionali, fra i quali quelli per l'istituzione di borse di studio per gli specializzandi in medicina e per spese inerenti l'attivita' sportiva ed i relativi impianti in forza del D.P.R. n. 246/1985;

3) che l'Universita' di Messina e' destinataria di un finanziamento regionale per il progetto «Dottorati FSE XXXII ciclo UNIME», a seguito del quale l'ente accademico ha accettato la vigilanza della Regione sullo svolgimento delle attivita' e sull'utilizzazione del finanziamento erogato. Chiedono dunque dichiararsi medesimo ineleggibile e decaduto dalla carica, con contestuale proclamazione del primo dei non eletti L G , nato a il . In subordine, deducono che il suddetto deputato e' comunque incorso nella causa di incompatibilita' di cui all'art. 10 quater della legge regionale n. 29/1951, il quale prescrive che i deputati regionali non possano esercitare funzioni di direttore generale in enti ai quali la Regione contribuisca in via ordinaria, direttamente o indirettamente, o sottoposti a tutela o vigilanza della Regione, con conseguente dichiarazione di decadenza e sostituzione con il predetto L , nato a Si costituisce per resistere D D F , il quale fa presente che il medesimo ha...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA