Il mobbing come esercizio abnorme del potere di comando

Autore:Roberto Voza
Pagine:743-749
 
ESTRATTO GRATUITO
R. Voza
Il mobbing come esercizio abnorme del potere di comando
roBerto VozA
IL MOBBING COME ESERCIZIO ABNORME
DEL POTERE DI COMANDO
Mi è capitato di occuparmi del mobbing, in occasione dell’ultimo con-
gresso dell’Associazione dei Giuslavoristi Italiani, tenutosi a Bari nell’otto-
bre del 2010.
“Poteri del datore di lavoro e tutela della persona”: un titolo emblematico
con cui l’AGI sceglieva di affrontare un tema tradizionale e - al contempo
- attualissimo, un evergreen, insomma, che ha appassionato generazioni di
studiosi.
Prima che diventasse un ritornello di facile impatto mediatico (grazie al
fortunato libro di Erich Fromm del 1976: To have or to be?1), la dicotomia
fra avere ed essere era stata assunta come chiave di lettura della specialità
del contratto di lavoro nel pensiero di Francesco Santoro Passarelli. Nelle sue
celebri Nozioni, l’insigne giurista esordiva individuando nella “implicazione
della persona del lavoratore nel lavoro prestato ad altri” la motivazione della
peculiarità del diritto del lavoro rispetto alle “altre discipline giuridiche”,
e - in particolare - la ragione per la quale esso “si ribella” alla partizione del
diritto “nei due rami del diritto pubblico e privato”.
E siccome “la persona del lavoratore è implicata nell’attività prestata ad
altri”, Santoro Passarelli poteva affermare che “tutto il diritto del lavoro è
ordinato caratteristicamente a questo ne, alla tutela della libertà, anzi della
stessa personalità umana del lavoratore”2. Poteva, insomma, condensare la
specialità del diritto del lavoro nella formula della tutela della persona del
lavoratore (persona che lavora, sarà di moda dire dalla ne del secolo scorso
in poi).
L’affermazione è perfettamente condivisibile (tant’è che è universalmente
condivisa), ma può essere meglio compresa se si precisa che, intanto il diritto
del lavoro si è preoccupato di svolgere la sua funzione di tutela, in quanto
1 E. F, To have or to be?, Harper & Row, New York, 1976.
2 F. S P, Nozioni di diritto del lavoro, Jovene, Napoli, 1951, 5ª ed., pp. 13-14.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA