LEGGE REGIONALE 24 maggio 2014 , n. 17 - Modifiche alla legge regionale 22 marzo 2012, n. 5 (Legge per l'autonomia dei giovani e sul Fondo di garanzia per le loro opportunita'), concernenti gli interventi per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del bullismo. (17R00332)

 
ESTRATTO GRATUITO

(Pubblicata nel supplemento ordinario n. 19 al Bollettino Ufficiale della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia del 29 maggio 2017) Il Consiglio regionale ha approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Promulga la seguente legge: Art. 1 Inserimento dell'art. 21-bis nella legge regionale n. 5/2012 1. Dopo l'art. 21 della legge regionale 22 marzo 2012, n. 5 (Legge per l'autonomia dei giovani e sul Fondo di garanzia per le loro opportunita'), e' inserito il seguente: «Art. 21-bis (Educazione alla gestione dei conflitti e contrasto al fenomeno del bullismo). - 1. La Regione sostiene e finanzia progetti e interventi, che abbiano un approccio multidisciplinare, volti all'educazione alle relazioni umane, al rispetto della dignita' delle persone, alla valorizzazione delle diversita', al contrasto a tutte le discriminazioni nel rispetto del principio di eguaglianza e pari opportunita' tra persone, senza distinzione alcuna. A tal fine sostiene azioni di rilevazione, prevenzione e contrasto del fenomeno del bullismo, in tutte le sue manifestazioni, compreso il cyberbullismo. 2. Ai fini di cui al comma 1 la Regione promuove e sostiene: a) protocolli di intesa con i soggetti istituzionali, che a diverso titolo e nei diversi settori della vita sociale, svolgono un ruolo formativo e culturale nei confronti dei giovani;

  1. iniziative di carattere culturale, sociale e sportivo sui temi di cui al comma 1;

  2. percorsi educativi, di cooperazione e di partecipazione attiva rivolti ai bambini, agli adolescenti e ai giovani, mirati all'educazione ai sentimenti, all'affettivita', alla legalita' e all'uso consapevole della rete internet e dei nuovi media, anche attraverso il coinvolgimento delle famiglie;

  3. corsi di formazione per il personale scolastico, gli operatori sportivi e gli educatori, volti ad acquisire competenze e tecniche educative nei confronti dei giovani al fine di favorire una corretta interrelazione e un utilizzo consapevole dei media e dei social network;

  4. corsi, programmi di assistenza, gruppi di supporto per i genitori al fine di aiutarli ad acquisire consapevolezza e capacita' di intervento nella gestione dei conflitti e del...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA