Strumenti informatici per l'acquisizione e la gestione dell'informazione giuridico-ambientale in linea

Autore:Elio Fameli
Occupazione dell'autore:Primo Ricercatore , Istituto per la Documentazione Giuridica, CNR

Page 105

@1. Premessa: fonti dell'informazione giuridica in linea e modalità d'acquisizione e gestione della documentazione giuridica personale

Grazie ti pia recenti sviluppi delle tecnologie informatiche e telematiche attualmente il materiale documentario necessario allo svolgimento dell'attività dei teorico come dell'operatore giuridico - in qualunque settore del diritto e con riferimento a una qualsiasi funzione professionale a esso riferibile - può essere in prevalenza acquisito mediante la consultazione dei numerosi archivi giuridici in linea, diversi per struttura e caratteristiche e disponibili soprattutto nell'ambito dei sistemi della Coite di Cassazione, della Camera dei Deputati, del Senato della Repubblica e del Poligrafico dello Stato, oltre che dei vari sistemi informativi specialistici realizzati da enti e organi pubblici, ma anche da istituzioni e imprese private, e diffusi attraverso i canali dell'editoria tradizionale ed elettronica Page 106 (opere a stampa e CD-ROM), ovvero all'interno delle reti telematiche internazionali (in particolare, Internet1).

Sulla facilità d'impiego, ma anche sull'affidabilità ed efficienza dei sistemi di reperimento (e quindi anche dei motori di ricerca) delle informazioni giuridiche in linea s'è cercato d'incidere soprattutto mediante la realizzazione di «interfacce amichevoli», generalizzate o personalizzabili in relazione ai c.d. profili d'utente. E opportuno in proposito osservare che al conseguimento di progressi in questo settore nodale dell'informatica documentaria sono risultate funzionali non solo tecniche e metodologie consolidate all'interno deia scienza della documentazione e dell'informatica, ma anche gli strumenti più di recente elaborati nell'ambito dell'Intelligenza. Artificiale.

Avendo invece riguardo ale varie fasi della complessa procedura con cui l'utente passa dall'individuazione delle informazioni di suo interesse alla loro diretta fruizione in ordine al perseguimento d'un obiettivo concreto, sembra opportuno richiamare l'attenzione sul fatto che le informazioni giuridiche atte a soddisfare le diverse esigenze di studio e di lavoro' del teorico come dell'operatore del diritto, una volta acquisite mediante l'impiego di sistemi tradizionali di reperimento ovvero col ricorso ai più complessi e sofisticati motori di ricerca disponibili nelle reti telematiche, non sono - di solito - immediatamente utilizzabili in ordine alle peculiari necessità elaboratore cui dovrebbero corrispondere. Nella maggior parte dei casi, infatti, esse devono prima essere analizzate, commentate, annotate, collegate, coordinate, organizzate e rielaborate secondo percorsi logici alternativi, funzionali a obiettivi distinti, che sono sovente complementari, ma possono anche risultare antitetici2.

In questo senso, almeno in una prima approssimazione al problema, può dirsi che tra l'informazione acquisita dai sistemi informativi consultati e quella effettivamente utilizzabile, «spendibile» nell'attività giuridica in cui si è impegnati, intercorre sempre una distanza non irrilevante: tra Page 107 esse si colloca uno spazio concettuale in cui, se la creatività dell'uome resta primaria e insostituibile, la macchina è fin d'ora in grado di fornire un ausilio sicuramente efficace e gradualmente incrementabile.

In ogni caso, nei passaggio dall'uno all'altro tipo d'informazione - che si ricorra o meno all'ausilio del computer - la documentazione su cui l'informazione stessa si basa subisce tutta una serie, complessa d'analisi ed elaborazioni da cui, per i dati trattati, sicuramente deriva un vero e proprio «valore aggiunto», di solito d'interesse non solo personale, ma talora addirittura generalizzabile. Nel contesto astratto in cui le considerazioni fin qui esposte si collocano, l'ipotesi specifica della realizzazione - a partire da archivi generali - di bibliografie a stampa o di basi di dati specialistiche (settoriali, mono- o anche pluritematiche) in un certo senso rappresenta soltanto l'esplicitazione e la formalizzazione d'una attività che, comunque e sempre, si. configura come necessaria e tipica per il lavoro giuridico.

@2. Le fonti dell'informazione giuridico-ambientale in linea

Le banche di dati da cui è possibile acquisire informazioni d'interesse nel settore ambientale appartengono a una delle tipologie qui di seguito descritte.

@@2.1. Archivi generali dì caratteri legislativo

@@@2.1.1.Le leggi dello Stato

La legislazione statale è contenuta negli archivi LEXPRE e LEXS della Corte dì Cassazione (LEXPRE comprende i provvedimenti legislativi Corte di Cassazione (LEXPRE, comprende i provvedimenti legislativi pubblicati dal 1904 al 31dicembre 1970, mentre LEXS contiene i provvedimenti legislativi pubblicati a partiere dal 1º gennaio 1971).I titoli della legislazione nazionale (dal 1860) sono contenuti nell'archivio TITLEX.

Tutti questi archivi sono di particolare utilità per l'utente interessato alla materia ambientale in quanto ogni unica documentaria s essa attinente è stata contrassegnata con l'inserimento, alla fine del titolo, del descrittore «ECOLOGIA». All'interno dell'archibo generale ciò consente oltre che d'individuare agevolmente i documenti afferenti all'ambiente, di ricostruire in forma costantemente aggiornata il cd. «archivio virtuale» della legislazione in vigore sulla materia.

Page 108

Attualmente (ottobre 1997) nell'archivio LEXS, su un totale di 386.715 documenti, ne esistono 5.765 relativi alla materia ecologica, distribuiti negli ultimi venticinque anni secondo le modalità risultanti dall'analisi spettrale di seguito riprodotta.

1) 1 1971 15) 521 1985
2) 8 1972 16) 149 1986
3) 6 1973 17) 281 1987
4) 6 1974 18) 217 1988
5) 15 1975 19) 274 1989
6) 10 1976 20 257 1990
7) 12 1977 21) 413 1991
8) 15 1978 22 431 1992
9) 29 1979 23) 497 1993
10) 136 1980 24) 652 1994
11) 45 1981 25) 691 1995
12) 52 1982 26 834 1996
13) 63 1983 27) 1 1997
14 64 1984

Qui di seguito è inoltre riprodotto un esempio d'unità documentaria estratta dall'archivio LEXS.

DECRETO, GENNAIO 1997

MISURE ETTOSANTTARIE SUPPLEMENTARI CONTRO LA PROPAGAZIONE DELL'ORGANISMO NOCIVO PSEUDOMONAS SOLANACEARUM (SMITH) SU TUBERISEME, SO PATATE DESTINATE AL CONSUMO E ALLA TRASFORMAZIONE ORIGINARIE DELL'OLANDA. ECOLOGIA.

SCOPO GENERALE

I TUBERI-SEME DI PATATE DEL RACCOLTO 1996, ORIGINARIE DELL'OLANDA, I INTRODOTTE E COMMERCIALIZZATE NEI TERRITORIO NAZIONALE SIMO AL 30 J GIUGNO 1997, DEVONO ESSERE ASSOGGETTATI ALLE CONDIZIONI INDICATE DAL PRESENTE DECRETO, LE PATATE DA CONSUMO, DA FORAGGIO E DESTINATE ALLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE DEL EACCOLTO 1996 ORIGINARIE DELL'OLANDA, INTRODOTTE E COMMERCIALIZZATE NEL TERRITORIO NAZIONALE SINO AL 31) SETTEMBRE 1997, DEVONO ESSERE ASSOGGETTATE ALLE CONDIZIONI INDICIATE DAL PRESENTE DECRETO.

Page 109

@@@2.1.2. Le leggi regionali

Sempre nell'ambito del sistema informativo delLa Corte di Cassazione le leggi regionali sono contenute neLL'archivio LEXR. Attualmente (ottobre 1997), su un totale complessivo di 396.123 documenti, 4.796 (raggruppati in 4.552 titoli) riguardano la materia ecologica. La tabella che segue indica la distribuzione dei documenti negli anni.

1) 1 1948 25) 8 1973
2) 5 1949 26) 8 1974
3) 4 1950 27) 6 1975
4) 3 1951 28) 3 1976
5) 5 1952 29 14 1977
6) 7 1953 30) 96 1978
7) 4 1954 31) 80 1979
8) 2 1955 32) 210 1980
9) 13 1956 33) 101 1981
10) 6 1957 34) 125 1982
11) 5 1958 35) 141 1983
12) 2 1959 36) 152 1984
13) 3 1960 37) 159 1985
14) 3 1962 38) 162 1986
15) 5 1963 39) 181 1987
16) 3 1964 40) 174 1988
17) 4 1965 41) 201 1989
18) 10 1966 42) 189 1990
19) 10 1967 43) 206 1991
20) 11 1968 44) 213 1992
21) 12 1969 45) 378 1993
22) 29 1970 46) 469 1994
23) 9 1971 47) 300 1995
24) 1 1972 48) 133 1996

Nella pagina che segue è riprodotto un esempio d'unità documentaria estratta dall'archivio LEXR.

Page 110

REGIONE: FRIULI VENEZIA GIULIA STAND.

DOC.: LR FV 1996 01 05 00G3

TITOLO LEGGE' REGIONALE 5 GENNAIO 1996, M. 3.

DISCIPLINA DELLE ASSOCIAZIONIE DEI CONSORZI DI COMUNIONI FAMILIARI MONTANE. ECOLOGIA

GU, 11.05.1996 N. 018 SERIE SPECIALE N 03

B.UFRIULI VENEZIA GIULIA 10.01.1996 N. 002

TESTO FORMATO DA COMPLESSIVI-ARTICOLI: 0009

IL PRESENTE TESTO ENTRA IN VIGORE SECONDO QUANTO DISPONE L'ÀRT. 9

NeL sistema informativo della Camera dei Deputati, che viene aggiornato più rapidamente ed è consultabiLe in STAIRS, le leggi regionali (delle Regioni a Statuto ordinario come di quelle a Statuto speciale e delle Produce autonome di Trento e Bolzano) sono raccolte nell'archivio LREG.

Nel sistema informativo dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (Ispolitel-Guritel) è consultabile il testo integrale delle Gazzette Ufficiali della Repubblica Italiana, pubblicate dal 1987 a oggi nelle sue diverse Serie (Generale, Corte costituazionale, Regioni e Comunità Europee), Si tratta d'una banca di dati aggiornata quotidianamente e consultabie sulla base della conoscenza del numero e della data della G.U. d'interesse.

Sia per la legislazione statale che per quella regionale esistono, inoltre, fonti consultabili su CD-ROM3, mentre attraverso la rete Internet è possibile interrogare la banca di dati INFORM, contenente le informazioni aggiornate sui contenuti della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, delle Gazzette e dei Bollettini regionali, nonché della Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea.

Page 111

@@@2.1.3. L'iter delle leggi e ì disegni di legge

Nell'ambito del sistema infomiativo della Camera dei Deputati, l'archivio ITER, relativamente a ogni legge nazionale approvata a partire dal 1948, consente dì reperire dati in merito all'iter delle leggi e alle eventuali pronunce della Corte costituzionale.

Inoltre, nell'archivio TI. 13 (Testo Integrale, XIII Legislatura) è possìbile reperire il testo integrale dei disegni di legge...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA