DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 8 aprile 2013, n. 69 - Regolamento recante modifiche al Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di incentivi e finanziamenti a favore del settore artigiano, emanato con decreto del Presidente della Regione 25 gennaio 2012, n. 33.

 
ESTRATTO GRATUITO

(Pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Friuli-Venezia Giulia n. 16 del 17 aprile 2013) IL PRESIDENTE Vista la legge regionale 22 aprile 2002, n. 12 e successive modifiche ed integrazioni (Disciplina organica dell'artigianato), ed in particolare l'art. 53-bis che disciplina gli interventi a favore dell'innovazione nel settore dell'artigianato;

Visto il "Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di incentivi e finanziamenti a favore del settore artigiano", emanato con proprio decreto in data 25 gennaio 2012, n. 033/Pres.;

Visto l'art. 2 della legge regionale 21 dicembre 2012, n. 26 (legge di manutenzione dell'ordinamento regionale 2012) che sostituisce l'art. 5 (termini del procedimento) della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7 (Testo unico delle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso);

Visto l'art. 12, commi da 26 a 41 della legge regionale 31 dicembre 2012, n. 27 (Disposizioni per la formazione del bilancio pluriennale e annuale (Legge finanziaria 2013)), in materia di «amministrazione aperta»;

Ritenuto opportuno adeguare il citato regolamento alla disposizione introdotta dall'art. 2 della citata legge regionale n. 26/2012, inserendo, laddove mancanti, i termini per la conclusione del procedimento e adeguando, laddove esistenti, i termini per la conclusione del procedimento medesimo;

Preso atto, in particolare, dell'estensione a centottanta giorni del termine previsto all'art. 81, comma 3 del citato regolamento, in considerazione della tipologia del procedimento caratterizzato da una complessa istruttoria derivante dall'articolazione del Programma annuale di settore in quattro aree di intervento ed in considerazione delle limitate risorse umane disponibili;

Preso atto dell'inserimento, tra gli obblighi del CATA, di osservare le disposizioni previste in materia di «amministrazione aperta», ai sensi del citato art. 12, commi 27, 28, 29 e 37 della legge regionale n. 27/2012;

Visto il testo del «Regolamento recante modifiche...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA