Il ruolo delle PMI nell'economia europea e lo Small Business Act

Autore:Emanuele Cataldo
Pagine:15-25
 
ESTRATTO GRATUITO
15
1.1. Il ruolo delle PMI nell’economia europea e lo Small
Business Act
Come richiamato nella presentazione, anche nell’economia
europea le PMI sono saldamente ancorate nelle comunità locali
e regionali e rappresentano una garanzia di coesione e di stabili-
tà sociale. Le PMI svolgono un ruolo importante per la crescita
europea poiché producono il 60% del PIL dell’UE. Soprattutto
gli imprenditori dinamici saranno in grado di cogliere le oppor-
tunità della globalizzazione e dell’accelerazione determinata dai
mutamenti tecnologici. Le PMI svolgono un ruolo fondamentale
anche nel processo di innovazione e rappresentano dunque un
elemento essenziale per un’economia basata sulla conoscenza.
In questo contesto, lo “Small Business Act for Europe”,
adottato dalla Commissione nel giugno 2008, riflette la volontà
strategica di riconoscere il ruolo centrale delle PMI nell’econo-
mia europea e costituisce, per la prima volta, un quadro politico
articolato, a livello di UE e di singoli Stati membri. Tale docu-
mento programmatico tende a migliorare l’approccio globale al-
lo spirito imprenditoriale, ad ancorare il principio “Pensare anzi-
tutto in piccolo” nei processi decisionali – dalla formulazione
delle norme al pubblico servizio – ed a promuovere la crescita
delle PMI aiutandole ad affrontare i problemi che continuano a
ostacolarne lo sviluppo.
L’iniziativa è finalizzata in particolare a creare condizioni
favorevoli alla crescita e alla competitività sostenibili e durature
delle PMI europee: le politiche comunitarie e nazionali devono
tenere maggiormente conto del contributo delle PMI alla cresci-
ta economica e alla creazione di posti di lavoro.
Lo “Small Business Act” si basa su alcuni principi destinati a
guidare la formulazione delle politiche comunitarie e nazionali,
nonché su misure concrete per la loro attuazione.
1. Sviluppo di un ambiente favorevole all’imprenditorialità
al fine di agevolare la creazione di PMI, in particolare fra le
donne e di incoraggiare i trasferimenti di imprese, soprattut-
to delle PMI familiari.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA