Il ciclo di vita di un'impresa

Autore:Emanuele Cataldo
Pagine:34-43
 
ESTRATTO GRATUITO
34
2.1 Il ciclo di vita di un’impresa
Per illustrare l’evoluzione del fabbisogno finanziario in re-
lazione alle varie fasi in cui si articola la vita dell’impresa, si fa
riferimento, in generale, al modello classico del ciclo di vita,
composto da quattro fasi fondamentali:
nascita
sviluppo
maturità
declino.
I canali di approvvigionamento di capitale per lo sviluppo
possono essere, a loro volta, segmentati sulla base delle esigenze
collegate alle diverse fasi del ciclo di vita dell’impresa:
avvio di nuove iniziative imprenditoriali (start-up financing)
crescita aziendale e sviluppo di progetti imprenditoriali
(expansion financing);
quotazione per consolidare posizione e mercati d’impresa
(bridging financing);
rinnovamento, rilancio o ristrutturazione, cogliendo nuove
opportunità in situazioni di declino o di crisi, anche in fasi
precedenti (turnaround financing);
trasformazioni aziendali, ristrutturazioni azionarie, sostituzione
di familiari che ricomprendono i leveraged/management e
family buy-out/in, le acquisizioni, le fusioni e gli scorpori
(replacement capital).
Il finanziamento dell’avvio
Ha come obiettivo di accompagnare la nascita di una nuova
iniziativa imprenditoriale, sia essa ancora in ambito embrionale
che nelle prime fasi di avvio. Dal punto di vista della richiesta di
intervento, è generalmente riconducibile a un imprenditore interes-
sato a sviluppare una nuova attività o a migliorare/implementare
un prodotto/processo produttivo esistente. Prima che la com-
mercializzazione del nuovo prodotto sia avviata e consegua i
primi successi, servono spesso ricerche (di base, di mercato,
ecc…) o altre attività, le quali richiedono investimenti a volte
onerosi. Inoltre, ciò di cui il portatore della nuova idea impren-

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA