I punitive damages nell'ordinam ento italiano

Autore:Paolo Pardolesi
Pagine:59-88
 
ESTRATTO GRATUITO
59
CAPITOLO SECONDO
I PUNITIVE DAMAGES NELL’ORDINAMENTO ITALIANO
PAOLO PARDOLESI
SOMMARIO: 1. Lo strumento rimediale dei danni punitivi. - 2. Lo sviluppo dei danni
punitivi nell’esperienza giuridica inglese. - 3. L’evoluzione nord-americana: la
giuria e l’elemento soggettivo. - 4. Le questioni di costituzionalità dei danni pu-
nitivi. - 4.1. Il divieto di bis in idem (V emendamento). - 4.2. L’excessive fines
clause (VIII emendamento). - 4.3. Il due process of law (XIV emendamento). -
5. I danni punitivi nella realtà giuridica italiana: il ‘controintuitivo’ rifiuto della
Cassazione. - 5.1. Il risarcimento del danno ex art. 18 della legge 349/1986. -
5.2. La riparazione pecuniaria ex art. 12 della legge sulla stampa.
1. Lo strumento rimediale dei danni punitivi
Un altro affascinante esempio di circolazione di modello micro-
comparatistico è rappresentato dallo strumento rimediale dei cd. puni-
tive damages. Questa articolazione risarcitoria – muovendo dal prin-
cipio in forza del quale a nessuno dovrebbe essere concessa la possibi-
lità di trarre profitto dal compimento di una condotta illecita –
conferisce alla vittima dell’illecito l’opportunità di ottenere una san-
zione esemplare nei confronti di chi ha commesso in mala fede un atto
particolarmente grave e riprovevole. In altre parole, l’istituto persegue
non solo l’obiettivo di combattere la realizzazione di profitti attraverso
il compimento di atti illeciti; ma anche quello di evitare che altri sog-
getti siano incentivati al perseguimento di comportamenti analoghi1.
1 Per un approfondimento sulla natura (e funzione) dei punitive damages, con cons e-
guente esame analitico della distinzione tra quest’ultimi e i compensatory damages) v.
V. BEHR, Punitive damages in American and German law - tendencies towa rds
approximation of apparently irreconcilable concepts, in Symposium: Private law,
60
Al pari dell’istituto del disgorgement, proprio tale duplice valenza
punishment, and disgorgement, 78 Chi.-Kent. L. Rev. 109 (2003). Per un’analisi
d’insieme del vigoroso dibattito intorno ai punitive damages v., orientativamente, C.
MORRIS, Punitive damages in tort cases, 44 Harv. L. Rev. 1173 (1931); C. T. MC
CORMICK, On the law of damages, St. Paul, Minnesota, West Publishing Co., 1935;
D. OWEN, Punitive damages in products liability litigation, 74 Mich. L. Rev. 1257 (1976);
BOROWSKY, punitive damages in California, 17 U.FF.L. Rev. 147 (1983); M.
E.WHEELER, The constitutional case for reforming punitive damages, 69 Va. L. rev. 269
(1983); R. AUSNESS, Retribution and deterrence: the role of punitive damages, 74
Kentucky Law Journal 1 (1986); J. C. JEFFRIES, A comment on the constitutionality of the
punitive damages, 72 Virg. L. Rev. 139 (1986); J. K. IVEY, Punitive damages in mass
product liability cases: hope for reform?, 6 Rev. Litg. 69 (1987); D. HARRIS, Remedies in
contract and tort, London, 1988; G. PRIEST, Insurability and punitive damages, 40 Alabama
L. Rev. 1009 (1989); C. MORRIS, Theory of punitive damages, in 44 Harv. L. Rev. 1173
(1998); J. EDELMAN, Gain-based damages. Contract, tort, equity and intellectual property,
Oxford e a., 2002, 5 ss.; S. BARKER, Punitive damages for breach of contracts, 6 US Law
Review and Journal 1822 (2003); A. BEEVER The structure of aggravated and exemplary
damages, 23 Oxford Journal of Legal Studies 87 (2003); A. J. SEBOK, Introduction: What
does it mean to say that a remedy punishes?, in Symposium: Private law, punishment, and
disgorgement, 78 Chi.-Kent. L. Rev. 3 (2003); A. KULL, Restitution’s outlaws, ibid., 18; A. S.
EDLIN - A. SCHWARTZ, Optimal penalties in contracts, ibid., 33; E. J. WEINRIB, Punishment
and disgorgement as contract remedies, ibid., 55; V. BEHR, Punitive damages in American
and German law – tendencies towards approximation of apparently irreconcilable concepts,
ibid., 109; S. W. WALER, The incoherence of punishment in antitrust, ibid., 207; e M. H.
OGILVIE, After Whiten: Punitive damages for brea ch contract i n Canada, [2004] J. B. L.
549; A. B. KLASS, Punitive damages and valuing harm, disponibile sul sito
www.ssrn.com.; AA.VV., Punitive damages: common law and civil law perspective,
Vienna, 2009. Per un approccio giureconomico ai punitive damages v., per tutti, S.
SHAVELL, Economic analysis of accident law, Cambridge, 1987; T. C. GALLIGAN,
Augemnted awards: the efficient evolution of punitive damages, 51 Louisiana L. Rev. 3
(1990); A. M. POLINSKY - S. SHAVELL, Punitive damages: an economic analisis, 111
Harv. L. Rev. 86 (1998); R. C. CRASWELL, Deterrence and damages: the multiplier
principle and its alternatives, 97 Michigan Law Review 2183 (1999).
Nella letteratura italiana si rinvia a G. PONZANELLI, I punitive damages nel-
l’esperienza nordamericana, in Riv. dir. civ., 1983, I, 435; V. ZENO-ZENCOVICH, Il proble-
ma della pena privata nell’ordinamento italiano: un approccio comparatistico ai
«punitive damages» di «common law», in Giur. it., 1985, IV, 12; R. PARDOLESI, Ri-
schio radioattivo e danni punitivi nell’esperienza statunitense: il difficile rapporto
tra disciplina federale dell’attività nucleare e diritto statale della responsabilità civi-
le, in Foro it., 1985, IV, 142; A. PALMIERI, Responsabilità da incidente nucleare: sul
ruolo e i limiti dei danni punitivi, in Foro it., 1986, IV, 134; G. PONZANELLI, I puni-
tive damages, il caso texano e il diritto italiano, in Riv. dir. civ., 1987, II, 405; M. S.
ROMANO, Danni punitivi e profili di legittimità costituzionale, in Quadrimestre,
1989, 396, nonché, Danni punitivi ed eccesso di deterrenza: gli incerti argini costitu-
zionali, in Foro it., 1990, IV, 175; G. PONZANELLI, Punitive damages e due process
clause: l’intervento della corte suprema Usa, in Foro it., 1991, IV, 235; V. CARBONE,
Punitive damages all’italiana, in Corriere giur., 1992, 416; G. PONZANELLI, Non c’è
due senza tre: la corte suprema Usa salva ancora i danni punitivi, in Foro it., 1994,

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA