Circolare esplicativa sulle modalita' e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni alle attivita' produttive nelle aree sottoutilizzate del Paese previste dall'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 48...

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

Alle Imprese interessate

Alle Banche concessionarie

Agli Istituti collaboratori

Alla Cassa depositi e prestiti

S.p.a.

All'ABI

All'Ass.I.Lea

Alla Confindustria

Alla Confapi

Alla Confcommercio

Alla Confesercenti

All'Ance

Alla CNA

Alla Confartigianato

Alla Casartigiani

In ottemperanza a quanto disposto dall'art. 8 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80 in materia di riforma degli incentivi, il Ministro delle attivita' produttive, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, ha adottato il decreto del 1° febbraio 2006, nel seguito denominato «decreto attuativo», con il quale sono stati stabiliti i criteri e le modalita' di concessione ed erogazione delle agevolazioni alle attivita' produttive previste dall'art. 1, comma 2 del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488.

Nel rispetto delle procedure e delle modalita' fissate dal predetto decreto attuativo, con la presente circolare si forniscono, relativamente ai settori «Industria», «Turismo» e «Commercio» e fatta eccezione per le imprese artigiane di cui all'art. 15 del decreto medesimo, specifiche indicazioni e precisazioni, nonche', in allegato, la nuova modulistica per la concessione e l'erogazione delle agevolazioni e l'elenco della documentazione richiesta. Le predette nuove modalita' si applicano, come peraltro stabilito dall'art. 16 del citato decreto attuativo, ai bandi il cui termine iniziale di presentazione delle domande e' successivo all'entrata in vigore del medesimo decreto. Ai bandi emanati prima di tale data continuano pertanto ad applicarsi le disposizioni del «testo unico delle direttive» di cui al decreto ministeriale del 3 luglio 2000, e successive modifiche e integrazioni, le disposizioni del regolamento approvato con decreto ministeriale del 20 ottobre 1995, n. 527 e successive modifiche e integrazioni, nonche' quelle contenute nelle relative circolari esplicative. 1 - Soggetti beneficiari e attivita' ammissibili.

1.1 I soggetti che possono beneficiare delle agevolazioni sono le imprese operanti nei settori di attivita' indicati all'art. 1, commi 4 e 5, del decreto attuativo che intendono realizzare programmi di investimento nell'ambito di proprie unita' produttive ubicate nelle «aree sottoutilizzate». Per unita' produttiva si intende la struttura, anche articolata su piu' immobili fisicamente separati ma prossimi, finalizzata allo svolgimento dell'attivita' ammissibile alle agevolazioni, dotata di autonomia produttiva, tecnica, organizzativa, gestionale e funzionale. Nel caso in cui l'impresa produca nello stesso luogo beni e servizi insieme, devono poter essere individuate, ai fini delle valutazioni per la concessione delle agevolazioni, due distinte unita' produttive. Le «aree sottoutilizzate» sono quelle di cui all'art. 61 della legge 27 dicembre 2002, coincidenti con le aree depresse individuate ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 8 febbraio 1995, n. 32, convertito dalla legge 7 aprile 1995, n. 104, e successive modifiche e integrazioni. L'elenco di tali aree e' riportato nell'allegato n. 1.

Alla data di presentazione del Modulo di domanda di agevolazione di cui al successivo punto 5.3, tali imprese devono essere gia' iscritte al registro delle imprese e devono trovarsi nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo in stato di scioglimento o liquidazione e non essendo sottoposte a procedure di fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione controllata. Le domande presentate dalle imprese individuali non ancora operanti alla predetta data possono essere istruite e proposte per le agevolazioni anche in assenza dell'iscrizione al registro delle imprese, purche' le stesse imprese siano gia' titolari di partita IVA. Per questi ultimi soggetti detta iscrizione deve comunque avvenire ed essere tempestivamente comprovata dall'impresa alla banca concessionaria attraverso lo specifico certificato da allegare alla richiesta di erogazione relativa all'ultimo stato di avanzamento (si veda il successivo punto 7.3). Tutti i soggetti che richiedono le agevolazioni, in considerazione della particolare procedura concorsuale, devono trovarsi in regime di contabilita' ordinaria. A tal fine, i predetti soggetti rilasciano apposita dichiarazione nel Modulo di domanda.

Le domande di agevolazione delle imprese artigiane, che rispondono ai requisiti di ammissibilita' di cui all'art. 15 del decreto attuativo, non possono essere presentate a valere sui bandi relativi al settore «Industria», ma esclusivamente su quelli riservati alle imprese artigiane cui si applicano le modalita' semplificate previste dal medesimo art. 15.

Per beneficiare delle agevolazioni in argomento, le predette imprese devono proporre un programma di investimenti organico e funzionale, tecnicamente, economicamente e finanziariamente valido, da realizzare nell'ambito di un'unita' produttiva per lo svolgimento di una delle attivita' ammesse dalla presente normativa. Entro la data di chiusura dei termini di presentazione delle domande di agevolazioni il soggetto richiedente deve comprovare di avere la piena disponibilita' del suolo e, ove esistenti, degli immobili dell'unita' produttiva ove viene realizzato il programma, rilevabile da idonei titoli di proprieta', diritto reale di godimento, locazione, anche finanziaria, o comodato, anche nella forma di contratto preliminare di cui all'art. 1351 del codice civile. Alla predetta data, gli atti o i contratti relativi ai detti titoli di disponibilita' devono risultare gia' registrati, anche in ossequio a quanto disposto dall'art. 18 del decreto del Presidente della Repubblica n. 131/1986, testo unico sull'imposta di registro, potendo, tuttavia, la registrazione intervenire successivamente solo nei casi in cui la stessa viene effettuata per il tramite di un pubblico ufficiale. In tale ultimo caso, la registrazione e, ove previsto dalla legge, la trascrizione, devono essere comunque comprovate dall'impresa entro e non oltre 30 giorni lavorativi dalla chiusura dei termini di presentazione delle domande di agevolazioni. La registrazione e/o la trascrizione oltre il suddetto termine comporta l'invalidita' della domanda. Qualora la piena disponibilita' dell'immobile sia legata ad una concessione demaniale, occorre distinguere l'ipotesi in cui la concessione demaniale venga richiesta per la prima volta (e' il caso dei nuovi impianti) da quella in cui l'impresa richieda il rinnovo di una concessione gia' ottenuta e rinnovata periodicamente in passato. Nel primo caso la piena disponibilita' dell'immobile si determina con la concessione demaniale. Nel secondo caso, in relazione ai tempi a volte lunghi intercorrenti tra la richiesta di rinnovo ed il rinnovo stesso, e' sufficiente che entro la data di chiusura dei termini di presentazione delle domande di agevolazioni l'impresa abbia avanzato la richiesta di rinnovo ed abbia pagato il relativo canone e che le opere da realizzare nell'ambito del programma da agevolare rientrino nelle previsioni della precedente concessione della quale e' stato richiesto il rinnovo. Nel caso in cui il programma di investimenti ricada all'interno di agglomerati industriali ovvero di aree attrezzate, individuati da Piani Regolatori di Consorzi industriali, di cui all'art. 36, comma 4 della legge n. 317/1991, e successive modifiche e integrazioni, o da Piani per Insediamenti Produttivi predisposti da amministrazioni comunali, la piena disponibilita' si intende comprovata attraverso un atto formale di assegnazione di un lotto specificatamente individuato nel quale siano indicati i tempi massimi entro i quali dovra' essere definita la procedura di esproprio dell'area e, comunque, tenendo conto anche del livello attuale e futuro di infrastrutturazione dell'area, potra' essere consentito concretamente l'insediamento nel lotto e, soprattutto, l'avvio a realizzazione del programma da parte dell'impresa assegnataria; tali tempi massimi, ai fini dell'accoglimento della domanda di agevolazione, dovranno risultare compatibili con quelli previsti dall'impresa per la realizzazione del programma medesimo. Il riferimento ad un «lotto specificatamente individuato» deve intendersi soddisfatto attraverso l'indicazione della superficie del lotto stesso, corredata da una planimetria della zona con l'individuazione di massima del lotto medesimo che ne mostri la conformazione. Con riferimento al settore «Turismo»...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA