CONCORSO (scad. 8 novembre 2012) - Concorso pubblico, per esami, a due posti di dirigente amministrativo di seconda fascia.

 
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE per le risorse umane del Ministero, acquisti e affari generali Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, con il quale e' stato approvato il testo unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili dello Stato, e successive modificazioni ed integrazioni;

Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni, concernente le norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche ed in particolare l'art. 28;

Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, concernente norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e successive modificazioni ed integrazioni;

Vista la legge 28 marzo 1991, n. 120, concernente norme a favore dei privi della vista per l'ammissione ai pubblici concorsi;

Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104, per l'assistenza, l'integrazione sociale ed i diritti delle persone portatrici di handicap;

Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20, concernente disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti;

Vista la legge 27 dicembre 1997, n. 449, concernente norme generali sull'amministrazione del patrimonio e sulla contabilita' generale dello Stato, ed in particolare l'art. 39 come successivamente modificato ed integrato;

Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68, recante norme per il diritto al lavoro dei disabili;

Vista la legge 15 luglio 2002, n. 145, recante 'disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato' ed in particolare l'art. 3, comma 5;

Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita' nonche' in materia di processo civile e in particolare l'art. 32;

Vista la legge 13 dicembre 2010, n. 220 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - (legge di stabilita' 2011);

Vista la legge 12 novembre 2011, n. 183, recante 'Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilita' 2012)';

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 'Codice in materia di protezione dei dati personali';

Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modifiche, recante il Codice dell'amministrazione digitale;

Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, codice delle pari opportunita' tra uomo e donna, a norma dell'art. 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246;

Visto il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, in materia di ottimizzazione della produttivita' del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni;

Visto il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in Legge n. 35 del 4.4.2012, relativo alle modalita' di invio delle domande per la partecipazione a selezioni e concorsi nelle Pubbliche amministrazioni, ed in particolare l'art. 8;

Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito in Legge n. 135 del 7.8.2012, recante disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini, ed in particolare l'art. 2;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, recante norme sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e modalita' di svolgimento dei concorsi e successive integrazioni e modificazioni;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 'Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa', come modificato dall'art. 15, comma 1, della legge 12 novembre 2011, n.

183;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 aprile 2004, n. 108, sull'istituzione, l'organizzazione e il funzionamento del ruolo dei dirigenti presso le Amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 24 settembre 2004, n. 272 , concernente il regolamento di disciplina in materia di accesso alla qualifica di dirigente, ai sensi dell'art. 28, comma 5, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, recante disposizioni per l'utilizzo della posta elettronica certificata;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 febbraio 1994, n. 174, recante norme sull'accesso dei cittadini degli Stati membri dell'Unione europea ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche, e successive modificazioni ed integrazioni, ed in particolare l'art. 1, comma 1, lettera a);

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 marzo 1995, concernente la determinazione dei compensi da corrispondere ai componenti delle commissioni esaminatrici e al personale addetto alla sorveglianza di tutti i tipi di concorso indetti dalle amministrazioni pubbliche;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 maggio 2009, recante 'disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini';

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 20 gennaio 2009, n. 17, con successive modifiche ed integrazioni, recante disposizioni di riorganizzazione del Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 2011 - pubblicato sulla G.U. serie generale, n. 26 del 1° febbraio 2012 - con il quale il Ministero dell'istruzione dell'universita' e della ricerca e' autorizzato, ai sensi dell'art.

35, commi 4 e 4-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ad avviare procedure pubbliche concorsuali, per reclutare, fra l'altro, n. 23 dirigenti di seconda fascia, fermo restando le disposizioni e gli adempimenti di cui all'art. 1, comma 2 del medesimo DPCM;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 2011, n. 132, con il quale il Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca ha operato la riduzione degli assetti organizzativi ai sensi dell'art. 2, comma 8-bis, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 giugno 2012 - pubblicato sulla G.U. n. 212 dell'11/9/2012 - mediante il quale e' stata operata un'ulteriore riduzione degli assetti organizzativi del MIUR, secondo quanto previsto dall'art. 1, comma 3, lettera a) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148;

Visto l'atto di indirizzo del 25 luglio 2012 con il quale il Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, ritenuto necessario ed urgente, nell'ambito dell'autorizzazione di cui al citato DPCM 28 ottobre 2011, avviare le procedure concorsuali, ha destinato 5 posti al reclutamento di dirigenti di seconda fascia in possesso di competenze tecniche, giuridiche e gestionali idonee a garantire la realizzazione dei processi normativi - amministrativi di innovazione e di razionalizzazione in atto, ripartendoli in: 2 posti per funzioni amministrative e 3 posti per funzioni relative all'informatica e alla statistica;

Considerato che, in seguito alla riduzione delle dotazioni organiche di cui all'art. 2 del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito nella legge 7 agosto 2012, n. 135, permane una effettiva e concreta vacanza dei posti in organico;

Visti i CC.CC.NN.LL. del personale dirigente dell'Area I dipendente dalle amministrazioni pubbliche comprese nel 'Comparto Ministeri';

Vista la circolare n. 12/2010 della Presidenza del Consiglio dei Ministri - dipartimento della Funzione Pubblica - riguardante le modalita' di presentazione delle domande di ammissione ai concorsi pubblici;

Vista la circolare del 22 febbraio 2011, n. 11786, della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica - recante chiarimenti in merito alla programmazione del fabbisogno di personale per il triennio 2011-2013;

Ritenuto di dover precisare che - ai fini del presente bando - si intende: - per diploma di laurea (DL), il titolo accademico, di durata non inferiore a quattro anni, conseguito secondo gli ordinamenti didattici previgenti al decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509; - per laurea (L), il titolo accademico di durata triennale...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA