Il contratto di edizione elettronica tra le maglie della disciplina del 1941 e la diffusione nella prassi editoriale

Autore:Rachele Marseglia
Pagine:45-59
RIEPILOGO

1. "Nuovi contratti" per "nuove opere". La mancanza della disci-plina. Un caso particolare: il contratto di edizione elettronica. - 2. L’autonomia del diritto alla pubblicazione elettronica rispetto alla pubblicazione cartacea. L’esempio della giurisprudenza americana. - 3. L’edizione elettronica: oggetto del patto di opzione, del con-tratto misto e del contratto autonomo. - 4. La natura... (visualizza il riepilogo completo)

 
ESTRATTO GRATUITO
IL CONTRATTO DI EDIZIONE ELETTRONICA TRA LE MAGLIE DELLA DI SCIPLINA DEL 1941
45
CAPITOLO SECONDO
IL CONTRATTO DI EDIZIONE ELETTRONICA
TRA LE MAGLIE DELLA DISCIPLINA DEL 1941 E LA
DIFFUSIONE NELLA PRASSI EDITORIALE
SOMMARIO: 1. Nuovi con tratti per nuove opere. La mancanza della disciplina. Un
caso particolare: il contratto di edizione elettronica. - 2. L’autonomia del diritto alla
pubblicazione elettronica rispetto alla pubblicazione cartacea. L’esempio della giuri-
sprudenza americana. - 3. L’edizione elettronica: oggetto del patto di opzione, del con-
tratto misto e del contratto autonomo. - 4. La natura giuridica del contratto di edizione
elettronica. - 5. Il contratto di edizione per le stampe e il contratto di edizione elettronica:
analogie e differenze. Il superamento delle barriere imposte alla tipizzazione legale.
1. “Nuovi contratti” per “nuove opere”. La mancanza della disci-
plina. Un caso particola re: il contratto di edizione elettronica
Aperte le porte della legge speciale sul diritto dautore alle opere
nuove, il legislatore del 2000 ha trascurato di regolamentarne le
nuove dinamiche di circolazione1. Al riconoscimento della tutela del
diritto dautore per le opere multimediali non ha fatto seguito, infatti,
alcun intervento normativo volto a regolare completamente anche le
nuove fattispecie contrattuali, finalizzate alla cessione o al trasferi-
mento dei relativi diritti patrimoniali.
Lassenza di redini normative specifiche, si è pertanto tradotta nel ri-
schio di lasciare “soli” gli autori di fronte alla scelta delle sorti dei diritti
patrimoniali sulle opere multimediali concepite. Il rischio è divenuto un
pericolo concreto soprattutto quando, nella prassi, si è registrata la pre-
senza di contratti standardizzati in cui fosse evidente lo squilibrio contrat-
tuale fra autore multimediale inevitabilmente debole e controparte in-
teressata alle nuove forme di sfruttamento economico correlate.
Nella maggior parte dei casi, questo fenomeno si è tradotto, a sua
volta, nella soggezione dellautore alle scelte imposte o indotte dai
contraenti forti, quali, ad esempio gli editori digitali, interessati alla
circolazione delle nuove opere dellingegno. Opere queste, partico-
larmente appetibili soprattutto nel nuovo mercato delleditoria elettro-
1 Critica la riuscita della tecnica di novellazione operata dalla legge n. 248/2000
GALEZZI, Il diritto dautore tr a vecchie e nuove formulazioni, in Nuove leggi civili com-
mentate, 2000, 6, p. 1218.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA