ORDINANZA 30 dicembre 2010 - Divieto di fabbricazione e commercializzazione del prodotto «Jungle Mistic Incense». (11A02532)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Visto il testo unico delle leggi sanitarie approvato con regio decreto del 27 luglio 1934, n. 1265, e successive modifiche;

Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, recante «Istituzione del Servizio sanitario nazionale», che attribuisce al Ministro della sanita' (ora della salute) il potere di emanare ordinanze di carattere contingibile e urgente, in materia di igiene e sanita' pubblica e di polizia veterinaria, con efficacia estesa all'intero territorio nazionale o a parte di esso comprendente piu' regioni;

Visto l'art. 117 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, che assegna allo Stato la competenza ad emanare ordinanze contingibili e urgenti in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica che interessino piu' ambiti territoriali regionali;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, e successive modificazioni, con cui e' stato approvato il testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza;

Tenuto conto che la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le politiche antidroga, ha segnalato con note prot. n. EWS 133/10 del 1° dicembre 2010 e prot. n. 4547 del 13 dicembre 2010, diversi casi di intossicazione acuta, documentati dal Sistema nazionale di allerta precoce e risposta rapida per le droghe, causati dall'inalazione del cannabinoide sintetico JWH-122, contenuto in una miscela aromatica presente in un prodotto commerciale denominato «Jungle Mistic Incense», e rilevato in piu' Paesi europei nei prodotti spice-simile, acquistabili su Internet e nei cosiddetti smart shop, venduti come profumatori d'ambiente;

Considerato che esiste un grave rischio per la salute pubblica, connesso all'uso improprio dei prodotti;

Ritenuta, pertanto, la necessita' e l'urgenza di adottare misure cautelative a tutela della salute dei cittadini e dell'incolumita' pubblica, data la gravita' degli effetti provocati dal consumo dei citati prodotti e la facilita' con cui questi possono essere acquistati via Internet o negli smart shop;

Vista la nota della Direzione generale della prevenzione sanitaria - Ufficio IV del 2 dicembre 2010, prot. n. 49390-P, inviata al comando Carabinieri tutela per la salute, con la quale si dispone il divieto di vendita con...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA