DECRETO 22 dicembre 2011 - Direttive per l''attuazione delle operazioni finanziarie, ai sensi dell''articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 2003, n. 398 (testo unico delle disposizioni in materia di debito pubblico). (11A16722)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 2003, n.398, recante "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di debito pubblico", ed in particolare l'art. 3, ove si prevede che il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato, in ogni anno finanziario, ad emanare decreti cornice che consentano al Tesoro:

- di effettuare operazioni di indebitamento sul mercato interno od estero nelle forme di prodotti e strumenti finanziari a breve, medio e lungo termine, indicandone l'ammontare nominale, il tasso di interesse o i criteri per la sua determinazione, la durata, l'importo minimo sottoscrivibile, il sistema di collocamento ed ogni altra caratteristica e modalita';

- di disporre, per promuovere l'efficienza dei mercati finanziari, l'emissione temporanea di tranche di prestiti vigenti per consentire il ricorso ad operazioni di pronti contro termine od altre in uso nei mercati;

- di procedere, ai fini della ristrutturazione del debito pubblico interno ed estero, al rimborso anticipato dei titoli, a trasformazioni di scadenze, ad operazioni di scambio nonche' a sostituzione tra diverse tipologie di titoli o altri strumenti previsti dalla prassi dei mercati finanziari internazionali;

Visto il decreto ministeriale n.73150 del 4 agosto 2003, come modificato dal decreto ministeriale n.9487 del 1° febbraio 2005, con il quale vengono regolate le operazioni di concambio di titoli di Stato da effettuare tramite sistemi telematici di negoziazione;

Vista la legge 31 dicembre 2009, n.196, ed in particolare l'art. 47 recante "Modifiche alla disciplina dei conti intrattenuti dal Tesoro per la gestione delle disponibilita' liquide", con il quale sono state introdotte modifiche all'art. 5, comma 5, del citato decreto del Presidente della Repubblica n.398 del 2003;

Visto il decreto ministeriale n.19080 del 29 luglio 2011, e successive modifiche ed integrazioni, con il quale e' stata approvata la Convenzione tra il Ministero dell'Economia e delle Finanze e la Banca d'Italia per la gestione del conto disponibilita' del Tesoro per il servizio di Tesoreria (di seguito "conto disponibilita'") e dei conti ad esso assimilati;

Visto il decreto ministeriale n.25391 del 25 ottobre 2011 con il quale sono state disciplinate le modalita' di movimentazione della liquidita' in essere sul conto disponibilita' e di selezione delle controparti ammesse alle operazioni;

Considerato che la Direzione II - debito pubblico - del Dipartimento del Tesoro (d'ora innanzi indicata come "Direzione II") puo' porre in essere:

-accordi di carattere generale con istituzioni finanziarie, al fine di disciplinare gli accordi di seguito indicati, secondo quanto stabilito dall'Intemational Swap & Derivatives...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA