DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 dicembre 2016, n. 252 - Regolamento recante modifiche al Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di incentivi e finanziamenti a favore del settore artigiano, emanato con decreto del Presidente della Regione 25 gennaio 2012, n. 33. (17R00090)

 
ESTRATTO GRATUITO

(Pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia n. 17 del 4 gennaio 2017) IL PRESIDENTE Vista la legge regionale 22 aprile 2002, n. 12 e successive modifiche ed integrazioni (Disciplina organica del l'a rtigi a nato);

Visto il «Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di incentivi e finanziamenti a favore del settore artigiano», emanato con proprio decreto 25 gennaio 2012, n. 033/Pres e successive modifiche ed integrazioni, in seguito «Testo unico»;

Visto, in particolare, l'art. 3, comma 6 del Testo unico, ai sensi del quale le imprese artigiane operanti nei settori delle lavorazioni artistiche, tradizionali e dell'abbigliamento su misura sono escluse dai benefici previsti dal titolo II, capo IV se rientranti nei settori di attivita' compresi nella divisione 96 «Altre attivita' di servizi per la persona» della classificazione ATECO 2007;

Vista la nota congiunta di data 16 settembre 2016, prot. 158/2016 delle Associazioni di categoria piu' rappresentative del comparto artigiano a livello regionale (CNA, Confartigianato imprese FVG e SDGZ URES) con la quale si chiede di abrogare la disposizione di cui all'art. 3, comma 6 del Testo unico, estendendo gli incentivi ivi previsti anche alle imprese artigiane rientranti nei settori di attivita' compresi nella divisione 96 «Altre attivita' di servizi per la persona» della classificazione ATECO 2007;

Considerato che con la gia' citata nota di data 16 settembre 2016, le Associazioni di categoria piu' rappresentative del comparto artigiano a livello regionale hanno richiesto altresi' la riduzione della percentuale di aiuto prevista per gli incentivi alle imprese artigiane di piccolissime dimensioni dall'80 per cento al 65 per cento;

Ritenuto necessario pertanto apportare delle modifiche al Testo unico, in accoglimento delle richieste avanzate...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA