DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 marzo 2017, n. 7 - Regolamento di attuazione dell'articolo 56, comma 6, della legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il governo del territorio). Formazione e gestione del sistema informativo geografico regionale. (17R00158)

(Pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 8 dell'8 marzo 2017) LA GIUNTA REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Emana il seguente regolamento: (Omissis). Visto l'art. 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l'art. 42 dello statuto;

Vista la legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il Governo del territorio) e in particolare l'art. 56;

Visto il parere del Comitato di direzione espresso nella seduta del 24 novembre 2016;

Visti i pareri della competente struttura di cui all'art. 17, comma 4 del Regolamento interno della Giunta regionale 19 luglio 2016, n. 4;

Visto il parere favorevole con raccomandazione della IV Commissione consiliare espresso ai sensi dell'art. 42, comma 2 dello statuto, nella seduta dell'11 gennaio 2017;

Considerato che il parere della IV Commissione contiene la seguente raccomandazione: «valutare la possibilita' di individuare nel regolamento strumenti idonei a garantire una corretta rendicontazione degli eventuali finanziamenti concessi dalla Regione per l'implementazione del sistema informativo geografico regionale»";

Ritenuto di recepire le indicazioni contenute nel parere della commissione consiliare e di apportare al testo del regolamento le modifiche conseguenti all'accoglimento delle medesime, inserendo la specificazione richiesta nel comma 8 dell'art. 4 del regolamento;

Visto il parere favorevole del Consiglio delle autonomie locali, formulato ai sensi dell'art. 66, comma 3 dello statuto nella seduta del 16 gennaio 2017;

Vista la preliminare deliberazione del 5 dicembre 2016, n. 1231, con la quale e' stato adottato lo schema di regolamento;

Vista la deliberazione della Giunta regionale 21 febbraio 2017, n. 123;

Considerato quanto segue: 1. la direttiva 28 gennaio 2003, n. 2003/4/CE (Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale e che abroga la direttiva 90/313/CEE del Consiglio) sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale prevede che qualsiasi persona fisica o giuridica abbia il diritto di accedere all'informazione ambientale detenuta dalle autorita' pubbliche o per conto di esse senza dover dichiarare il proprio interesse;

  1. la direttiva 17 novembre 2003, n. 2003/98/CE (Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al riutilizzo dell'informazione del settore pubblico) relativa al riutilizzo dell'informazione del settore pubblico specifica che rendere pubblici tutti i documenti generalmente disponibili in possesso del settore pubblico rappresenta uno strumento fondamentale per ampliare il diritto alla conoscenza, che e' principio base della democrazia e che e' attribuito agli enti pubblici il compito di favorire il riuso e rendere disponibili i propri documenti attraverso indici on line e licenze standard;

  2. il decreto legislativo 24 gennaio 2006, n. 36 (Attuazione della direttiva 2003/98/CE relativa al riutilizzo di documenti nel settore pubblico) disciplina le modalita' di...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA