DECRETO 6 maggio 2019 - Revoca dell'amministratore unico della «Centro Medico Focus P.C.R.L. piccola societa' cooperativa a responsabilita' limitata», in San Giuseppe Vesuviano e nomina del commissario governativo. (19A03063)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE per la vigilanza sugli enti, il sistema cooperativo e le gestioni commissariali Visto l'art. 2545-sexiesdecies del codice civile;

Vista la legge n. 241/1990 e successive modificazioni ed integrazioni;

Vista l'art. 1, comma 936 della legge n. 205 del 27 dicembre 2017;

Visto il decreto legislativo n. 165/2001, con particolare riferimento all'art. 4, secondo comma;

Visto l'art. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002, n. 220;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 158 del 5 dicembre 2013, «Regolamento di organizzazione del Ministero dello sviluppo economico»;

Viste le risultanze del verbale di revisione ordinaria disposta nei confronti della societa' cooperativa «Centro Medico Focus P.C.R.L piccola societa' cooperativa a responsabilita' limitata» con sede in San Giuseppe Vesuviano (NA), conclusa in data 7 marzo 2018 e del successivo accertamento ispettivo concluso in data 22 giugno 2018 con la proposta di adozione del provvedimento di gestione commissariale di cui all'art. 2545-sexiesdecies del codice civile;

Tenuto conto che dalle risultanze ispettive e' emerso che la cooperativa era stata diffidata a sanare nel termine di novanta giorni le irregolarita' riscontrate in sede ispettiva e che in sede di accertamento sono risultate ancora da sanare le seguenti irregolarita': 1. mancato adeguamento alle previsioni dell'art. 1, comma 936, lettera b della legge 27 dicembre 2017, n. 205 che stabilisce che «l'amministrazione della societa' e' affidata ad un organo collegiale formato da almeno tre soggetti. Alle cooperative di cui all'art. 2519, secondo comma, si applica la disposizione prevista dall'art. 2383, secondo comma pertanto "L'assemblea dei soci dovra' stabilire l'eventuale remunerazione o gratuita' delle cariche sociali;

mancata istituzione del libro dell'organo amministrativo;

mancato aggiornamento del libro delle assemblee dei soci;

  1. omesso versamento dell'imposta obbligatoria sul libro giornale e sul libro degli inventari;

  2. mancata sottoscrizione del Libro Inventari da parte del legale rappresentante;

  3. mancata modifica statutaria, volta a eliminare dallo statuto sociale ogni riferimento alle cooperative di produzione e lavoro, oltre alla rettifica degli art. 5 (limite al numero dei soci), 17 (ripartizione utile d'esercizio), 24 (forma di amministrazione) e 25 (durata delle cariche sociali);

  4. errata iscrizione della cooperativa presso l'albo nazionale delle cooperative nella categoria...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA