DECRETO 24 ottobre 2016 - Liquidazione coatta amministrativa della cooperativa edilizia «S. Anna», in Cosenza e nomina del commissario liquidatore. (16A08196)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE per la condizione abitativa Visto il testo unico delle disposizioni sull'edilizia economica e popolare approvato con regio decreto 28 aprile 1938, n. 1165;

Visto l'art. 105 delle disposizioni di attuazione del codice civile;

Visto l'art. 2545/XVII del codice civile;

Visto l'art. 194 e seguenti del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267;

Visto il decreto direttoriale prot. n. 3161 del 13 marzo 2012 con il quale gli organi sociali della cooperativa edilizia «S. Anna», con sede in Cosenza, Via R. Guttuso, 3, sono stati sciolti e il dott. avv. Roberto Colosimo e' stato nominato commissario governativo per la gestione commissariale della societa' fino al 31 marzo 2013;

Visti i decreti direttoriali con i quali la gestione commissariale della predetta cooperativa e' stata prorogata negli anni fino all'ultimo decreto direttoriale prot. n. 96 del 4 marzo 2016 con il quale la gestione commissariale affidata al commissario governativo dott. ing. Francesco Trecroci e' stata prorogata fino al 30 aprile 2016;

Considerato che la cooperativa era stata commissariata perche' il Presidente in carica non aveva presentato i bilanci dal 2003 al 2011 e non risultano approvati da questa amministrazione gli stessi bilanci per quanto indicato nelle note del 6 novembre 2013 prot. n. 12891 e del 23 dicembre 2013 prot. n. 14792 indirizzate al commissario governativo pro-tempore;

Vista la relazione in data 13 giugno 2016 nella quale il commissario governativo, dott. ing. Francesco Trecroci, nel riferire sull'attivita' svolta e sul contenzioso in essere (eredi Donato), ha comunicato ulteriori posizioni debitorie del sodalizio nei confronti dell'amministrazione comunale di Cosenza e della locale Camera di commercio, crediti passati in esazione da parte di Equitalia e rispetto ai quali la cooperativa e' insolvente;

Preso atto che nella riunione del 4 dicembre 2015, pur mettendo in evidenza ai soci, da parte del commissario governativo, «lo stato di insolvenza della cooperativa, invitando gli stessi a versare le prime quote», l'esito e' stato negativo;

pertanto «i bilanci 2014 e 2015 predisposti, a causa dei rilevanti crediti vantati nei confronti del sodalizio dall'amministrazione comunale e della locale Camera di commercio, nonche', in misura minore di quelli vantati dal precedente commissario governativo e dal sottoscritto, per i relativi periodi di gestione, nonche' dai professionisti incaricati per le vertenze giudiziarie svoltesi ed ancora in corso...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA