DECRETO 20 aprile 2016 - Revoca del consiglio di amministrazione della «Domus Sud societa' cooperativa», in Giffoni Val di Piana e nomina del commissario governativo. (16A03598)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE per la vigilanza sugli enti, il sistema cooperativo e le gestioni commissariali Visto l'art. 2545-sexiesdecies codice civile;

Vista la legge n. 241/1990 e successive modificazione ed integrazioni;

Visto il decreto legislativo n. 165/2001, con particolare riferimento all'art. 4 comma 2;

Visto l'art. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002, n. 220;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 158 del 5 dicembre 2013, «Regolamento di organizzazione del Ministero dello sviluppo economico»;

Viste le risultanze dell'ispezione straordinaria conclusa in data 13 giugno 2015 con la proposta di adozione del provvedimento di gestione commissariale ex art. 2545-sexiesdecies codice civile nei confronti della societa' cooperativa «Domus Sud societa' cooperativa» con sede in Giffoni Valle Piana (SA) in quanto gli ispettori hanno riscontrato all'interno del sodalizio aspri contrasti tra i soci e l'organo amministrativo nonche' gravi irregolarita' nella gestione dell'ente;

Considerato che dall'esame delle citate risultanze ispettive e' emerso che la societa' cooperativa «Domus Sud societa' cooperativa» e' stata costituita in data 20 gennaio 1989 con lo scopo di «assegnare ai propri soci in proprieta', in godimento o in locazione .....immobili abitativi e pertinenziali realizzati, recuperati o comunque acquisiti da parte della cooperativa...»;

Preso atto che la cooperativa risulta iscritta all'Albo nazionale delle societa' cooperative edilizie poiche' in possesso dei requisiti necessari per ottenere tale iscrizione e, precisamente, una compagine sociale di 18 soci che hanno sottoscritto e versato una quota sociale minima di €

258,23 e che in virtu' della citata iscrizione all'Albo nazionale delle societa' cooperative edilizie, ha potuto partecipare al Bando per la concessione di un contributo, in conto capitale, da parte della Regione Campania ed ha ottenuto l'erogazione di un finanziamento;

Considerato che gli ispettori hanno evidenziato che l'ente, a fronte di una compagine sociale di 18 soci, ha realizzato solo 12 alloggi escludendo dal godimento del bene dell'alloggio n. 6 soci e concretando, in assenza di nuovi programmi edificatori, la violazione del principio di parita' di trattamento previsto dall'art. 2516 c.c.;

Considerato, altresi', che gli ispettori hanno evidenziato una ulteriore violazione del principio di parita' di trattamento nella mancata adozione di un criterio uniforme relativamente all'esclusione di...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA