DECRETO 19 gennaio 2015 - Modalita' di versamento dell'accisa sull'energia elettrica fornita o consumata nella regione Siciliana tramite modello F24, sezione «accise». (15A00764)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE delle finanze Vista la legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 2, di conversione del regio decreto legislativo 15 maggio 1946, n. 455, recante «Approvazione dello Statuto della Regione siciliana»;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1965, n. 1074, e successive modificazioni ed integrazioni, recante le norme di attuazione dello Statuto della Regione Siciliana in materia finanziaria;

Viste le tabelle A), B) e C) annesse al decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1965, n. 1074, nelle quali sono individuate le entrate spettanti allo Stato;

Visto, in particolare, l'art. 5, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1965, n. 1074, e il punto 5), dell'annessa tabella D), i quali stabiliscono che spetta alla regione il gettito delle «entrate eventuali e diverse concernenti le imposte sul consumo e le dogane» tra le quali va compresa l'accisa sull'energia elettrica di cui all'art. 52 del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504;

Considerata la necessita' di adeguare e razionalizzare le modalita' di riscossione e quietanzamento dell'accisa sull'energia elettrica fornita o consumata nella regione Siciliana, anche al fine di semplificare gli adempimenti dei contribuenti e di migliorare l'efficacia dell'azione amministrativa;

Ritenuta l'opportunita' di utilizzare il modello F24, sezione accise, quale modalita' di versamento dell'accisa sull'energia elettrica fornita o consumata nella regione Siciliana;

Visto il regolamento approvato con decreto interministeriale 22 maggio 1998, n. 183, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 138 del 16 giugno 1998, recante norme per l'individuazione della struttura di gestione, prevista dall'art. 22, comma 3, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nonche' la determinazione delle modalita' per l'attribuzione agli enti destinatari delle somme a ciascuno di essi spettanti, alla quale e' affidato il compito di ripartire in favore degli enti destinatari le somme riscosse attraverso il sistema del versamento unificato (modello F24);

Visto il decreto interministeriale del 15 ottobre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 246 del 21 ottobre 1998, recante norme per la determinazione delle modalita' tecniche di ripartizione fra gli enti destinatari dei versamenti unitari delle somme a ciascuno di essi spettanti;

Visto il provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate del 19 giugno 2013, prot. 2013/75075, pubblicato sul sito...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA