DECRETO 14 novembre 2019 - Modifica del decreto 15 luglio 2004, recante «Istituzione presso l'Agenzia italiana del farmaco, di una banca dati centrale finalizzata a monitorare le confezioni dei medicinali all'interno del sistema distributivo». (20A00287)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 5-bis del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 540, il quale prevede l'istituzione presso il Ministero della salute di una banca dati centrale che, partendo dai dati di produzione e fornitura dei bollini numerati dei medicinali, raccolga e registri i movimenti delle singole confezioni dei prodotti medicinali;

Visto decreto del Ministro della salute 15 luglio 2004, recante «Istituzione, presso l'Agenzia italiana del farmaco, di una banca dati centrale finalizzata a monitorare le confezioni dei medicinali all'interno del sistema distributivo», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 4 gennaio 2005, n. 2, che ha affidato al Ministero della salute la realizzazione e la gestione della banca dati, prevedendo i criteri e le modalita' di trasmissione degli stessi da parte dei soggetti della filiera distributiva;

Visto il decreto del Ministro della salute 11 maggio 2018, recante «Modifiche al decreto 15 luglio 2004 recante «Istituzione di una banca dati centrale finalizzata a monitorare le confezioni dei medicinali all'interno del sistema distributivo», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 giugno 2018, n. 147;

Visto, in particolare, l'art. 4, comma 4-ter, del menzionato decreto del Ministro della salute 15 luglio 2004, il quale prevede che «l'Agenzia italiana del farmaco cura direttamente l'applicazione delle sanzioni previste dall'art. 5-bis del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 540, e successive modifiche, per le mancate o non corrette trasmissioni dei dati di spesa relativi alle forniture di medicinali a carico del Servizio sanitario nazionale», inserito dall'art. 1, comma 1, lettera c), decreto 11 maggio 2018, secondo alinea;

Considerato che il sopra richiamato decreto del Ministro della salute 15 luglio 2004, pur riconoscendo il ruolo dell'Agenzia italiana del farmaco nella verifica del corretto funzionamento della banca dati centrale, ne prevede il diretto coinvolgimento solo in via integrativa o di supporto nei confronti della gestione ordinaria del sistema curata dal Ministero che gestisce direttamente l'anzidetta banca dati;

Considerato che tutte le attivita' di trasmissione dei dati si riferiscono ai movimenti di entrata ed uscita delle confezioni medicinali effettuati dai soggetti di cui all'art. 5-bis...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA