D.M. (Min. trasp.) 27 gennaio 2014

Pagine:369-373
 
ESTRATTO GRATUITO
369
leg
Arch. giur. circ. e sin. strad. 4/2014
LEGISLAZIONE E DOCUMENTAZIONE
II. SCHEDA DI OMOLOGAZIONE
DEL TACHIGRAFO ANALOGICO
Lo Stato membro che ha effettuato l’omologazione rila-
scia al richiedente una scheda di omologazione di cui viene
riprodotto un modello qui di seguito. Per la comunicazione
agli altri Stati membri delle omologazioni accordate o de-
gli eventuali ritiri, ciascuno Stato membro utilizza copie
di questo documento.
SCHEDA DI OMOLOGAZIONE
Nome dell’amministrazione competente . . .
Comunicazione concernente (3):
- l’omologazione di un modello di apparecchio di con-
trollo
- il ritiro di omologazione di un modello di apparecchio
di controllo
- l’omologazione del foglio di registrazione
- il ritiro dell’omologazione del modello del foglio di
registrazione
. . .
Numero di omologazione . . .
1. Marchio di fabbrica o di commercio . . .
2. Denominazione del modello . . .
3. Nome del produttore . . .
4. Indirizzo del produttore . . .
5. Presentato all’omologazione il . . .
6. Laboratorio di prova . . .
7. Data e numero della/e prove/e . . .
8. Data dell’omologazione . . .
9. Data del ritiro dell’omologazione . . .
10. Modello di apparecchio di controllo sul quale il fo-
glio è destinato ad essere utilizzato . . .
11. Luogo . . .
12. Data . . .
13. In allegato documenti illustrativi
14. Osservazioni (compresa la posizione dei sigilli, ove
applicabile) . . .
. . .
(Firma)
III. SCHEDA DI OMOLOGAZIONE
DEL TACHIGRAFO DIGITALE
Lo Stato membro che ha effettuato l’omologazione rila-
scia al richiedente una scheda di omologazione di cui viene
riprodotto un modello qui di seguito. Per la comunicazione
agli altri Stati membri delle omologazioni accordate o de-
gli eventuali ritiri, ciascuno Stato membro utilizza copie
di questo documento.
SCHEDA DI OMOLOGAZIONE
DEI TACHIGRAFI DIGITALI
Nome dell’amministrazione competente . . .
Comunicazione concernente (4):
¨ omologazione di: ¨ ritiro dell'omologazione di:
¨ modello di apparecchio di controllo
¨ componente dell’apparecchio di controllo (5)
¨ carta del conducente
¨ carta dell’officina
¨ carta dell’azienda
¨ carta dell’agente di controllo
. . .
Numero di omologazione . . .
1. Marchio di fabbrica o di commercio . . .
2. Denominazione del modello . . .
3. Nome del produttore . . .
4. Indirizzo del produttore . . .
5. Presentato all’omologazione il . . .
6. Laboratorio di prova . . .
7. Data e numero della/e prove/e . . .
8. Data dell’omologazione . . .
9. Data del ritiro dell’omologazione . . .
10. Modello di apparecchio di controllo sul quale il fo-
glio è destinato ad essere utilizzato . . .
11. Luogo . . .
12. Data . . .
13. In allegato documenti illustrativi
14. Osservazioni (compresa la posizione dei sigilli, ove
applicabile) . . .
. . .
(Firma)
(1) Queste cifre sono riportate unicamente a titolo indicativo.
(2) Cancellare le menzioni inutili.
(3) Barrare le caselle appropriate.
(4) Specificare il componente oggetto della comunicazione.
II
D.M. (Min. trasp.) 27 gennaio 2014. Recepimento della
direttiva 1999/17/CE della Commissione che adegua al
progresso tecnico la direttiva 76/761/CEE relativa ai
proiettori dei veicoli a motore con funzione di fari abba-
glianti e/o anabbaglianti, nonchè alle lampade ad incan-
descenza per tali proiettori, della direttiva 1999/18/CE
della Commissione che adegua al progresso tecnico la
direttiva 76/762/CEE relativa ai proiettori fendinebbia
anteriori dei veicoli a motore, nonchè alle lampade per
tali proiettori e della direttiva 2013/15/UE del Consiglio
che adegua determinate direttive in materia di libera
circolazione delle merci, nel settore dei veicoli a moto-
re, a motivo dell’adesione della Repubblica di Croazia
(Gazzetta Ufficiale Serie gen. - n. 53 del 5 marzo 2014).
1. (Modifiche agli allegati del decreto del Ministro per i
trasporti 24 gennaio 1977, di recepimento della direttiva
76/761/CEE). 1. Gli allegati del decreto del Ministro per i
trasporti 24 gennaio 1977 di recepimento della direttiva
76/761/CEE relativa ai proiettori dei veicoli a motore con
funzione di fari abbaglianti e/o anabbaglianti nonchè alle
lampade ad incandescenza per tali proiettori, e successive
modificazioni, sono sostituiti in conformità all’allegato A
del presente decreto.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA