LEGGE 22 maggio 2010, n. 73 - Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, recante disposizioni urgenti tributarie e finanziarie in materia di contrasto alle frodi fiscali internazionali e nazionali operate, tra l''altro, nella forma dei cosiddetti «caroselli» e «cartiere», di potenziamento e razionalizzazione della riscossio...

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga la seguente legge:

Art. 1

  1. Il decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, recante disposizioni urgenti tributarie e finanziarie in materia di contrasto alle frodi fiscali internazionali e nazionali operate, tra l'altro, nella forma dei cosiddetti «caroselli» e «cartiere», di potenziamento e razionalizzazione della riscossione tributaria anche in adeguamento alla normativa comunitaria, di destinazione dei gettiti recuperati al finanziamento di un Fondo per incentivi e sostegno della domanda in particolari settori, e' convertito in legge con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge.

  2. Restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e sono fatti salvi gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla base del comma 3 dell'articolo 4 nonche' dell'articolo 5 del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40.

  3. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.

Data a Roma, addi' 22 maggio 2010

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri ed, ad interim, Ministro dello sviluppo economico

>Tremonti, Ministro dell'economia e delle finanze

Calderoli, Ministro per la semplificazione normativa

Visto, il Guardasigilli: Alfano

LAVORI PREPARATORI

Camera dei deputati (atto n. 3350):

Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (Berlusconi), dal Ministro dell'economia e delle finanze (Tremonti), dal Ministro per lo sviluppo economico (Scajola), dal Ministro senza portafoglio per la semplificazione normativa (Calderoli) il 26 marzo 2010.

Assegnato alle commissioni riunite VI (Finanze) e X (Attivita' produttive), in sede referente, il 30 marzo 2010 con pareri del Comitato per la legislazione, delle commissioni I, II, III, IV, V, VIII, IX, XI, XIII, XIV e questioni regionali.

Esaminato dalle commissioni riunite VI e X, in sede referente, l'8, 20, 22, 27, 28, 29 aprile 2010.

Esaminato in aula il 3, 4, 5 maggio 2010 ed approvato il 6 maggio 2010...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA