Corte di Cassazione Penale sez. III, 14 ottobre 2016, n. 43547 (c.c. 27 aprile 2016)

Pagine142-143
142
giur
2/2017 Arch. giur. circ. e sin. strad.
LEGITTIMITÀ
Nel caso in esame, invece, quella statuizione è stata
resa; ed una sua modif‌ica peggiorativa per l’imputato non
può che conseguire all’impugnazione formulata sul punto
dal pubblico ministero.
In ogni caso, la Corte di appello in sede di rinvio è, co-
munque, venuta meno all’obbligo di motivazione sul pun-
to, essendosi essa limitata a confermare la pronuncia “nel
resto”, senza esplicitare le ragioni della conferma della mi-
sura della sospensione della patente, pur in presenza della
avvenuta elisione di una delle ipotesi criminose che aveva
giustif‌icato la applicazione della sanzione accessoria nella
misura inspiegatamente confermata.
Conclusivamente la sentenza impugnata va annulla-
ta, limitatamente alla statuizione concernente conferma
della durata della sospensione della patente di guida in-
f‌litta al prevenuto, con rinvio ad altra Sezione della Corte
di appello di Milano, per nuovo esame del prof‌ilo cassato,
condotto in applicazione dei principi sopra ricordati.
Ai sensi dell’art. 624 c.p.p., va dichiarata l’irrevocabi-
lità dell’affermazione di colpevolezza resa dalla Corte di
appello in ordine al reato di cui all’art. 186 c.d.s., comma
7. (Omissis)
CORTE DI CASSAZIONE PENALE
SEZ. III, 14 OTTOBRE 2016, N. 43547
(C.C. 27 APRILE 2016)
PRES. FIALE – EST. ANDRONIO – P.M. POLICASTRO (CONF.) – RIC. P.G. IN PROC.
GARDELLI ED ALTRA
Misure di sicurezza y Patrimoniali y Conf‌isca y
Obbligatoria y Decreto penale di condanna y Mezzo
utilizzato per il trasporto abusivo di rif‌iuti y Appli-
cabilità y Esclusione y Ragioni.
. La conf‌isca obbligatoria del mezzo utilizzato per il
trasporto abusivo di rif‌iuti di cui all’art. 259, comma
secondo, D.L.vo 3 aprile 2006, n. 152, non può essere
disposta con il decreto penale di condanna. (In appli-
cazione del principio, la Corte ha rigettato il ricorso del
P.M. avverso il rigetto della richiesta di sequestro pre-
ventivo del veicolo, osservando che la speciale conf‌isca
contemplata dal predetto art. 259, avendo una funzio-
ne prevalentemente sanzionatoria, non è equiparabile
alla conf‌isca prevista dall’art. 240, comma secondo,
cod. pen., che il giudice ordina, con il decreto penale
di condanna, ai sensi dell’art. 460, comma secondo, del
codice di rito). (c.p., art. 240; c.p.p., art. 460; d.l.vo 3
aprile 2006, n. 152, art. 256; d.l.vo 3 aprile 2006, n. 152,
art. 259) (1)
(1) In senso conforme, v. Cass. pen., sez. III, ord. 16 maggio 2012,
n. 18774, in Riv. pen. 2013, 844; Cass. pen., sez. III, 17 settembre
2009, n. 36063, in questa Rivista 2010, 227 e Cass. pen., sez. III, 15
giugno 2009, n. 24659, in Riv. pen. 2010, 552. Contra, nel senso che
la conf‌isca obbligatoria del mezzo di trasporto, prevista per il reato
di trasporto non autorizzato di rif‌iuti (artt. 256, comma primo in re-
lazione all’art. 259, comma secondo, D.L.vo 3 aprile 2006, n. 152),
deve essere disposta anche nel rito speciale del procedimento per
decreto, in quanto tale obbligo sussiste ogni volta che la conf‌isca sia
obbligatoria ai sensi dell’art. 240, comma secondo, c.p. ovvero ai sensi
delle leggi speciali, v. Cass. pen., sez. III, 29 gennaio 2008, n. 4545,
ivi 2008, 1205.
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
1. - Con ordinanza del 17 settembre 2015, il Tribunale di
Forlì ha rigettato l’appello proposto dal pubblico ministero
avverso l’ordinanza di rigetto della richiesta di sequestro
preventivo di un autocarro utilizzato per lo smaltimento
di rif‌iuti, pronunciata dal G.i.p. dello stesso Tribunale il 22
luglio 2015, rilevando che, pur essendo lo stesso soggetto
a conf‌isca obbligatoria ai sensi dell’ art. 259, comma 2, del
D.L.vo n. 152 del 2006,, la scelta del pubblico ministero di
procedere con decreto penale di condanna non consentiva
l’adozione del sequestro preventivo, non essendo l’auto-
carro più conf‌iscabile.
2. - Avverso l’ordinanza il pubblico ministero ha pro-
posto ricorso per cassazione lamentando la violazione
dell’art. 321, comma 2, c.p.p., nonchè degli artt. 256 e 259,
comma 2, del D.L.vo n. 152 del 2006.
Rileva il ricorrente che nella specie si trattava di un
veicolo utilizzato per il trasporto di rif‌iuti senza autoriz-
zazione, dunque suscettibile di conf‌isca obbligatoria. Ne
consegue - sempre per il pubblico ministero che il seque-
stro avrebbe potuto essere negato solo in mancanza del
fumus commissi delicti. Si richiama l’art. 460, comma 2,
c.p.p., il quale stabilisce che, con il decreto di condanna, il
giudice ordina la conf‌isca, nei casi previsti dall’art. 240, se-
condo comma, c.p., o la restituzione delle cose sequestra-
te. Dunque, la scelta di procedere per decreto penale non
sarebbe ostativa alla conf‌isca, anche perchè la richiesta
di decreto penale potrebbe essere disattesa dal giudice,
ovvero opposta dall’imputato, così dando luogo a diverse
alternative forme di giudizio, che potrebbero risolversi
con una sentenza che disponga la conf‌isca obbligatoria.
3. - Con memoria depositata in prossimità della camera
di consiglio davanti a questa Corte, gli indagati hanno chie-
sto che il ricorso sia dichiarato inammissibile o comunque
rigettato. Rilevano, in particolare, la mancanza del nesso
di pertinenzialità tra il veicolo e l’abusivo smaltimento dei
rif‌iuti, nonchè richiamano la motivazione dell’ordinanza
impugnata quanto all’incompatibilità della conf‌isca di cui
all’art. 259 del D.L.vo n. 152 del 2006, con il procedimento
per decreto penale di condanna.
MOTIVI DELLA DECISIONE
4. - Il ricorso è infondato.
Secondo la costante giurisprudenza di legittimità (ex
multis, sez. III, 29 febbraio 2012, n. 18774, rv. 252622; sez.
III, 19 marzo 2009, n. 24659, rv. 244019; sez. III, 7 luglio
2009, n. 36063, rv. 244607; sez. III, n. 36063 del 2009, rv.
244607) la conf‌isca obbligatoria speciale del mezzo utiliz-
zato per il trasporto abusivo di rif‌iuti, prevista dall’art. 259,
comma 2, del D.L.vo n. 152 del 2006, non può essere dispo-
sta con il decreto penale di condanna. Tale orientamento,
che deve qui essere integralmente richiamato e conferma-
to, si basa sul tenore letterale dell’art. 460, comma 2, c.p.p.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA

VLEX uses login cookies to provide you with a better browsing experience. If you click on 'Accept' or continue browsing this site we consider that you accept our cookie policy. ACCEPT