Corte di Cassazione Civile sez. III, 13 ottobre 2017, n. 24070

Pagine117-120
117
giur
Arch. giur. circ. ass. e resp. 2/2018
LEGITTIMITÀ
suo riconoscimento come f‌iglio naturale (art. 250, comma
2, c.c., così come modif‌icato L. n. 219 del 2012, ex art. 1,
comma 2). In mancanza di una espressa norma di deroga
vale la regola generale: il minore non potrà validamente
porre in essere atti giuridici (e meno che mai rivolgersi ad
un legale per ottenere un risarcimento dei danni, previa
messa in mora della controparte), quantunque si tratti di
atti relativi all’esercizio di diritti della personalità. Fuo-
ri dei casi sopra menzionati il minore acquista diritti ed
assume doveri per mezzo di coloro che sono i suoi legali
rappresentanti".
Ancora, nella parte in cui ha ritenuto conseguentemen-
te "inidonea ad interrompere il termine di prescrizionale
del diritto al risarcimento del danno da sinistro stradale la
raccomandata a.r. inviata all’impresa assicuratrice da un
legale al quale il mandato... ad agire in nome e per conto
del danneggiato sia stato conferito da un soggetto minore di
età, posto che per il conferimento del potere rappresenta-
tivo è comunque necessario che il rappresentato sia, oltre
che capace di intendere e volere, anche capace di agire".
Della medesima, assorbito il 2° motivo, s’impone per-
tanto la cassazione in relazione, con rinvio al Tribunale di
Gela che in diversa composizione procederà a nuovo esa-
me, facendo dei medesimi applicazione.
Il giudice del rinvio provvederà anche in ordine alle
spese del giudizio di cassazione. (Omissis)
CORTE DI CASSAZIONE CIVILE
SEZ. III, 13 OTTOBRE 2017, N. 24070
PRES. CHIARINI – EST. OLIVIERI – P.M. DE AUGUSTINIS (CONF.) – RIC. TROVATO
(LOMBARDO LANZA) C. AXA ASSICURAZIONI S.P.A.
Risarcimento del danno y Valutazione e liquida-
zione y Criteri equitativi y Applicazione da parte del
giudice di merito y Insindacabilità in Cassazione. y
Limiti y Fattispecie relativa alla determinazione
del danno morale in misura proporzionale al solo
danno biologico da invalidità permanente.
. L’esercizio, in concreto, del potere discrezionale con-
ferito al giudice di liquidare il danno in via equitativa
non è suscettibile di sindacato in sede di legittimità
quando la motivazione della decisione dia adegua-
tamente conto dell’uso di tale facoltà, indicando il
processo logico e valutativo seguito. (In applicazione
di tale principio, la S.C. ha confermato la sentenza di
merito che, con motivazione non illogica né manifesta-
mente arbitraria, aveva esposto il criterio di liquida-
zione applicato, consistente nella determinazione del
danno morale in misura proporzionale al solo danno
biologico da invalidità permanente). (c.c., art. 1226;
c.c., art. 2043; c.c., art. 2056; c.c., art. 2059) (1)
(1) Negli stessi termini, pur con riferimento a diverse fattispecie, si
esprimono: Cass.civ. 15 marzo 2016, n. 5090, in www.latribunaplus.
it e cass. civ. 31 luglio 2015, n. 16222, ibidem. Si veda, inoltre, Cass.
civ. 19 gennaio 2010, n. 702, ibidem, che ammette la liquidazione del
danno morale in proporzione del danno biologico riconosciuto.
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
In parziale riforma della decisione di prime cure la
Corte d’appello di Catania con sentenza 11 ottobre 2013
n. 558:
- confermava l’accertamento in concreto compiuto dal
primo giudice in ordine al concorso di pari responsabili-
tà nella causazione del sinistro stradale verif‌icatosi il 29
giugno 2001 in conseguenza della collisione tra il moto-
veicolo condotto da Antonino Trovato e l’auto di proprietà
di Leonardo Borelli, condotta da Nicola Borelli, assicurata
per la R.C.A. con AXA Ass.ni s.p.a., ritenendo non vinco-
lante per il Giudice di merito l’accordo concluso in data
11 novembre 2002 dal Trovato con AXA s.p.a., in relazione
al risarcimento dei "danni materiali" a cose, nel quale il
concorso di colpa del danneggiato, era stato stimato nella
diversa misura del 10%;
- accoglieva l’appello proposto da Antonino Trovato,
riformando la decisione impugnata in relazione alla ulte-
riore decurtazione del 50% dell’importo risarcitorio (ap-
plicata per omesso uso del casco integrale, in quanto non
prescritto dalle norme del Codice della strada al tempo
del sinistro);
- rideterminava il danno risarcibile in complessivi Euro
9.093,00 a titolo di danno biologico da invalidità perma-
nente; Euro 3.000,00 per il danno biologico da inabilità
temporanea; Euro 2.273,25 a titolo di danno morale sog-
gettivo, oltre il danno da ritardo calcolato secondo i criteri
indicati dalla sentenza SS.UU. n. 1712/1995;
- accoglieva l’appello incidentale proposto dall’INAIL
che aveva esercitato il diritto di surroga ex art. 1916 c.c.,
nei confronti dei responsabili del danno e dell’AXA Ass.ni
s.p.a., per l’intero ammontare delle indennità assistenziali
erogate al Trovato, in misura corrispondente al "quantum"
liquidato a titolo di danno biologico;
- accoglieva l’appello incidentale proposto da AXA Ass.
ni s.p.a. dichiarando la stessa tenuta, in solido con i re-
sponsabili Borelli, al solo risarcimento in favore del Trova-
to del danno morale - non ricompreso nel diritto di surroga
dell’ente pubblico assistenziale - già corrisposto, in ese-
cuzione della sentenza di primo grado, con conseguente
condanna del danneggiato alla restituzione in favore della
società assicurativa delle somme versate in eccedenza;
- liquidava a favore dell’INAIL le spese di lite, ponendo-
le a carico dei Borelli e di AXA Ass.ni s.p.a., mentre dichia-
rava compensate per i 2/3 le spese di entrambi i gradi di
giudizio tra il Trovato, da un lato, ed i responsabili ed AXA
Ass.ni s.p.a., dall’altro, liquidando il residuo terzo a favore
dell’appellante principale.
La sentenza è stata impugnata per cassazione da An-
tonino Trovato che ha dedotto con quattro mezzi vizi di
violazione di norme di diritto sostanziale e processuale,
con atti notif‌icati in data 6 e 7 novembre 2014 rispettiva-
mente a Nicola Borelli ed AXA Ass.ni s.p.a. ed in data 24
novembre 2014 a Leonardo Borelli.
Gli intimati non hanno svolto difese.
Il Collegio ha raccomandato la redazione della motiva-
zione in forma semplif‌icata.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA

VLEX uses login cookies to provide you with a better browsing experience. If you click on 'Accept' or continue browsing this site we consider that you accept our cookie policy. ACCEPT