Corte D'Appello di Venezia

 
ESTRATTO GRATUITO

Atto di citazione per appello

I sottoscritti avvocati Giannantonio Stangherlin (C.F.: STNGNN69S06A703J) e Stefano Binda (C.F.: BND SFN 43L12 E907P) del foro di Bassano del Grappa, quali procc. e diff. del Signor GHELLER SILVIO (C.F.: GHL SLV 37E07D750F), nato il 7/05/1937 a Foza (VI) ed ivi residente in Via Carpanedi n. 17, il quale elegge domicilio presso lo studio dell'avv. Abram Rallo (C.F.: RLL BRM 69T07 L736P), sito in Galleria Matteotti n°.9 di Venezia-Mestre, che pure lo rappresenta e difende, come da mandato a margine del presente atto - (omissis) - Il sottoscritto patrocinio, in rappresentanza e difesa del signor Gheller Silvio, propone appello alla sentenza n° 53 del 19-25/01/2010 del Tribunale di Bassano del Grappa, che ha respinto pure le domande attoree di usucapione del sotto descritto compendio immobiliare, e per l'effetto - cita - (omissis) - Gheller Aladino di Giuseppe, Gheller Giacobbe di Giuseppe, Chiomento Adelia fu Eugenio, Chiomento Giacomo fu Giacomo, Gheller Donato fu Antonio, Gheller Luigi fu Antonio e Marcolongo Caterina; tutti non individuati e/o non individuabili, come pure gli eventuali loro eredi; - (omissis) - gli Eredi, pure non individuati e/o non individuabili, di: Lazzaretti Giovanna di Bonaventura, Chiomento Dino fu Francesco, Chiomento Eugenio fu Francesco e Chiomento Silvia fu Antonio a comparire innanzi all'intestato Ufficio, di fronte al Collegio che sara' all'uopo designato, per l'udienza del 21/12/2011, ore di rito, con invito a costituirsi nel termine di giorni venti prima dell'indicata udienza, a sensi e nelle forme di cui all'art. 166 c.p.c., nonche' a comparire nella medesima udienza avanti al Collegio designando, con l'avvertenza che, in mancanza di costituzione nel suddetto termine, incorrera' nelle decadenze, di cui al combinato disposto degli artt. 38, 167 e 343 c.p.c. (impossibilita' di proporre appello incidentale, chiamata in causa di terzi, eccezioni non rilevabili d'ufficio e/o di incompetenza), oltre che nelle preclusioni derivanti dalla scansione del rito, per ivi, in loro contesto e/o contumacia, reietta ogni contraria istanza, eccezione o deduzione, cosi' sentir - GIUDICARE - I - IN VIA PRINCIPALE: A - DI RITO: 1) ai sensi dell'art. 279, comma II, n. 5 c.p.c., separarsi la causa relativa all'accertamento della proprieta' - per usucapione - dell'attore, su tutti gli altri beni immobili oggetto delle conclusioni finali di primo grado, da quella relativa ai seguenti: "Comune di FOZA...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA