Il modello delle corrispondenze multiple applicato ad un campione di donne che hanno subìto violenza nel proprio paese d'origine

Autore:Fabio Manca - Claudia Marin
Pagine:109-126
RIEPILOGO

Nel presente lavoro di ricerca si analizza l’impatto che un campione di 125 donne, che ha subìto violenza nei Paesi d’origine e che risiede attualmente nella provincia di Bari, ha in relazione alle difficoltà incontrate nei processi di integrazione con la popolazione italiana. La tecnica statistica utilizzata è il modello dell’analisi delle corrispondenze multiple, il cui obiettivo principale... (visualizza il riepilogo completo)

 
ESTRATTO GRATUITO
IL MODELLO DELLE CORRISPONDENZE MULTIPLE APPLICATO AD UN CAMPIONE DI DONNE
109
Il modello delle corrispondenze multiple applicato
ad un campione di donne che hanno subìto violenza
nel proprio paese d’origine
di Fabio Manca, Claudia Marin*
1. Introduzione
Nel presente lavoro di ricerca è stato applicato il modello
dell’analisi delle corrispondenze multiple (ACM) su un
database di donne che hanno subìto violenza nei paesi d’ori-
gine e che risiedono attualmente nella provincia di Bari.
L’indagine è stata eseguita tra maggio e luglio 2013 su un
campione di 125 donne distinte per età, paese d’origine e anni
di permanenza nella provincia di Bari e ha consentito di veri-
ficare l’impatto che queste donne hanno in relazione alle diffi-
coltà incontrate nei processi di integrazione con la popolazio-
ne italiana.
Per avere un contatto diretto, si è cercato l’ausilio di asso-
ciazioni di promozione sociale presenti sul territorio regionale
che gestiscono progetti SPRAR – Sistema di Protezione per
Richiedenti Asilo e Rifugiati – in diverse città limitrofe ai
propri territori.
Questi risultati possono costituire una fase iniziale per
approfondire la ricerca e per poter quindi valutare quali stru-
menti possano favorire il maggiore raggiungimento dell’obiet-
tivo “integrazione”.
2. Il modello delle corrispondenze multiple
Il modello ACM rappresenta una generalizzazione del-
l’analisi delle corrispondenze multiple e consente l’osserva-
* L’impianto metodologico è stato condiviso dagli autori. In particolare,
sono da attribuire a Fabio Manca i paragrafi 2, 3, 3.3 e 4 e a Claudia Marin i
paragrafi 1, 3.1 e 3.2.
IL MODELLO DELLE CORRISPONDENZE MULTIPLE APPLICATO AD UN CAMPIONE DI DONNE
110
zione simultanea di un insieme di variabili categoriali ridu-
cendole in un numero minore di dimensioni; quest’ultime
vengono denominate fattori ed esprimono le combinazioni
delle stesse.
Considerata la matrice, ottenuta attraverso l’indagine sta-
tistica, X
n,p, si può procedere all’ottenimento delle dimensioni
fattoriali che permettono di studiare la struttura relazionale
esistente tra le p variabili in uno spazio di dimensione ridotta.
Il numero massimo di dimensioni che si possono considerare è
uguale al valore minimo fra il numero di categorie complessi-
vo meno il numero di variabili attive senza dati mancanti, ed il
numero delle osservazioni meno uno. La soluzione è limitata
alle prime due dimensioni in quanto un numero minore di di-
mensioni è di più agevole interpretazione ed, inoltre, dopo un
certo numero di assi fattoriali la percentuale di associazione
spiegata diventa irrilevante. Per una soluzione unidimensiona-
le l’analisi eseguita con il software statistico SPSS – Statistical
Package for Social Science – assegna i valori di scala ottimali
(quantificazione di categoria) a ciascuna modalità di ogni va-
riabile in modo tale che globalmente, in media, le categorie
abbinino variabilità massima. Per una soluzione bidimensiona-
le, l’analisi delle corrispondenze multiple trova un secondo
insieme di quantificazioni delle categorie, non aventi relazioni
con il primo insieme, tentando nuovamente di massimizzare la
variabilità. Il procedimento è iterato fino ad ottenere un nume-
ro di assi fattoriali uguale al numero prescelto di dimensioni.
Il modello permette di elaborare una tabella di contingen-
za multipla ed utilizza la distanza del chi-quadrato per l’analisi
della relazione tra le righe e tra le colonne in modo congiunto
e separato. Il modello risulta essere caratterizzato dalla matri-
ce di Burt, o matrice delle corrispondenze multiple e, attraver-
so alcuni passaggi matematici effettuati sulla matrice di
Burt, viene calcolata la dispersione di ciascuna variabile-
modalità rispetto ai rispettivi totali marginali della matrice;
inoltre incrocia tra loro tutte le modalità. Si considerano
tutti i profili di riga ed i profili di colonna e viene analizza-
ta la dispersione dei profili stessi intorno al baricentro.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA