I controlli e la cooperazione giudiziaria

Autore:Luigi Tramontano
219
1
I CONTROLLI E LA COOPERAZIONE
GIUDIZIARIA
1
Regole generali
La normativa contenuta negli artt. da 67 a 89 del Trattato sul fun-
zionamento dell’Unione europea riguarda il rispetto dei diritti fonda-
mentali dell’uomo e degli ordinamenti.
In particolare gli artt da 67 a 76 qualificano la politica come fon-
data sulla solidarietà tra gli Stati membri ed equa nei confronti
dei cittadini di Paesi terzi. Sono espressioni già contenute nelle
varie conclusioni adottate dal Consiglio europeo in questa materia.
Quanto alla solidarietà, essa pone l’esigenza di ripartire tra tutti gli
Stati membri gli oneri della gestione delle politiche comuni in questo
settore che, come noto, rischiano di sovraccaricare di più gli Stati
di frontiera esterna meridionale e orientale, rispetto a tutti gli altri
Stati.
Il trattato di Lisbona, oltre ad includere le norme in materia di liber-
tà, sicurezza e giustizia all’interno del Trattato (TFUE), ha riformato
profondamente la materia conferendo al Parlamento europeo l’ap-
plicazione generalizzata della procedura legislativa ordinaria e della
votazione a maggioranza qualificata; il trattato ha anche istituito un
comitato permanente al fine di assicurare all’interno dell’Unione la
promozione e il rafforzamento della cooperazione operativa in mate-
ria di sicurezza interna (art. 71 TFUE).
L’art. 67 TFUE stabilisceche l’Unione realizza uno spazio di liber-
tà, sicurezza e giustizia nel rispetto dei diritti fondamentali nonché
dei diversi ordinamenti giuridici e delle diverse tradizioni giuridiche
degli Stati membri. Essa garantisce che non vi siano controlli sul-
le persone alle frontiere interne e sviluppa una politica comune
in materia di asilo, immigrazione e controllo delle frontiere esterne,
fondata sulla solidarietà tra Stati membri ed equa nei confronti dei
cittadini dei paesi terzi. A tal fine gli apolidi sono equiparati ai citta-
dini dei paesi terzi.
L’Unione si adopera per garantire un livello elevato di sicurezza
attraverso misure di prevenzione e di lotta contro la criminali-
tà, il razzismo e la xenofobia, attraverso misure di coordinamento
Solidarietà

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA