I contratti per la promozione o la conclusione di affari

Autore:A. Moretti
Pagine:333-340
RIEPILOGO

1. I contratti per la promozione o la conclusione di affari. 2. La commissione. 3. La spedizione. 4. La mediazione. 5. L’agenzia.

 
ESTRATTO GRATUITO
333
25
I CONTRATTI PER LA PROMOZIONE
O LA CONCLUSIONE DI AFFARI
1
I contratti per la promozione
o la conclusione di affari
Attraverso i contratti che esaminiamo in questo capitolo, l’imprendi-
tore persegue il fine di promuovere, agevolare o concludere un affare
nell’interesse di un’altra persona; si tratta della commissione, della
spedizione, della mediazione e del contratto di agenzia.
Tali contratti “sono strumentali rispetto ad altri contratti e con essi
l’imprenditore fa da tramite ad un altro imprenditore o ad un consu-
matore per la promozione o la conclusione di un singolo affare o di
una serie indefinita di affari” (Luminoso).
Le imprese di commissione, di spedizione, di agenzia e di mediazio-
ne sono dunque imprese che svolgono attività ausiliarie ex art. 2195,
n. 5, c.c. o attività di intermediazione nella circolazione di beni o
servizi ex art. 2195, n. 2, c.c.
2
La commissione
Il contratto di commissione è un mandato che ha per oggetto l’ac-
quisto o la vendita di beni per conto del committente e in nome del
commissionario (art. 1731 c.c.).
Esso, dunque, è una sottospecie del mandato (Minervini); è, in partico-
lare, un mandato senza rappresentanza, in quanto il commissionario
agisce nell’interesse del mandante, ma in nome proprio. Al contratto di
commissione, dunque, si applica la disciplina generale sul mandato, con
le eventuali varianti introdotte dagli artt. 1732 e ss. c.c. (Cottino).
Poiché l’acquisto o la vendita è effettuata in nome proprio, il commissionario è personal-
mente obbligato ad effettuare il pagamento del prezzo o la consegna della cosa; è inoltre
personalmente obbligato per le garanzie dovute dal venditore al compratore.
In esecuzione del mandato, il commissionario dovrà poi trasferire al committente i beni
che ha acquistato o versare al committente il prezzo ricavato dalla vendita.
La commissione si caratterizza per l’onerosità della prestazione: al
commissionario, infatti, spetta una provvigione per l’opera prestata,
Nozione

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA