Conferimenti di onorificenze al merito dell'Esercito

 
ESTRATTO GRATUITO

Con decreto 7 dicembre 2005 e' conferita la seguente ricompensa:

Croce d'oro al merito dell'Esercito

al Generale di Brigata Vicente Diaz De Villegas Y Herreira nato il 15 giugno 1948 a Santona (Cantabria - Spagna);

con la seguente motivazione:

´Ufficiale generale dell'Esercito spagnolo, dalle straordinarie qualita' morali e professionali, nell'incarico di vice comandante per le relazioni esterne della Divisione multinazionale sud - est si e' adoperato con grande perizia ed efficacia per il pieno conseguimento della missione nell'ambito dell'operazione "Joint forge" in Bosnia Herzegovina. Ha assolto il proprio delicato ed importante compito operando con generosa abnegazione e chiara visione politica, in un ambiente particolarmente difficile e rischioso, determinatosi all'indomani dei tragici eventi terroristici dell'11 settembre 2001. In particolare si e' sempre dimostrato attento e vicino alle unita' ed al personale italiano impegnato nel teatro delle operazioni, contribuendo attivamente a propiziarne validi e proficui contatti con le autorita' civili e militari del Paese e consentendo il conseguimento di brillanti risultati nei rapporti tra le fazioni. Grazie alla sua puntuale e lungimirante azione, ha degnamente rappresentato il proprio Paese e ha contribuito in modo significativo ad accrescere il prestigio dell'Esercito italiano nel contesto multinazionaleª.

Mostar ottobre 2001 - marzo 2002

Con decreto 29 novembre 2005 e' conferita la seguente ricompensa:

Croce d'oro al merito dell'Esercito

al Generale di Brigata Francisco Arenas Cano nato il 12 settembre 1947 ad Uleila del Campo Almeria (Spagna);

con la seguente motivazione:

´Ufficiale generale dell'Esercito spagnolo, dalle straordinarie qualita' morali e professionali, nell'incarico di vice comandante per le relazioni esterne della Divisione multinazionale sud - est, si adoperava con grande perizia ed efficacia per il pieno assolvimento della missione affidata alla Divisione nell'ambito dell'operazione "Joint forge" in Bosnia Erzegovina.

Svolgeva il proprio delicato ed importante compito, operando con generosa abnegazione e chiara visione politica in un ambiente particolarmente difficile e rischioso, in prossimita' delle prime elezioni politiche autonome. In particolare egli si e' dimostrato sempre attento e vicino alle unita' italiane impegnate nel teatro delle operazioni...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA