DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 ottobre 2011 - Scioglimento del consiglio comunale di Porto San Giorgio e nomina del commissario straordinario. (11A14572)

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Considerato che nelle consultazioni elettorali del 13 e 14 aprile 2008 sono stati rinnovati gli organi elettivi del comune di Porto San Giorgio (Fermo);

Viste le dimissioni rassegnate, con atti separati acquisiti al protocollo dell'ente, da undici consiglieri sui venti assegnati al comune, a seguito delle quali non puo' essere assicurato il normale funzionamento degli organi e dei servizi;

Ritenuto, pertanto, che ricorrano gli estremi per far luogo allo scioglimento della suddetta rappresentanza;

Visto l'art. 141, comma 1, lettera b), n. 3, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;

Sulla proposta del Ministro dell'interno, la cui relazione e' allegata al presente decreto e ne costituisce parte integrante;

Decreta:

Art. 1

Il consiglio comunale di Porto San Giorgio (Fermo) e' sciolto.

Art. 2

La dottoressa Marcella Conversano e' nominata commissario straordinario per la provvisoria gestione del comune suddetto tino all'insediamento degli organi ordinari, a norma di legge.

Al predetto commissario sono conferiti i poteri spettanti al consiglio comunale, alla giunta ed al sindaco.

Dato a Roma, addi' 19 ottobre 2011

NAPOLITANO

Maroni, Ministro dell'interno

Allegato

Al Presidente della Repubblica

Nel consiglio comunale di Porto San Giorgio (Fermo), rinnovato nelle consultazioni elettorali del 13 e 14 aprile 2008 e composto dal sindaco e da venti consiglieri, si e' venuta a determinare una grave situazione di crisi a causa delle dimissioni rassegnate da undici componenti del corpo consiliare, con atti separati acquisiti al protocollo dell'ente in data 9 settembre 2011.

Le citate dimissioni, alcune presentate personalmente ed altre con deleghe all'uopo autenticate, hanno determinato l'ipotesi dissolutoria dell'organo elettivo disciplinata...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA