Circolare Confedilizia 29 luglio 2016. Termoregolazione e contabilizzazione del calore. Video guida Confedilizia per proprietari di casa e amministratori di condominio

Pagine577-577
577
PRATICA pra
Arch. loc. cond. e imm. 5/2016
dell’unità immobiliare” (salvo che da “una relazione tecnica di un progettista o di un tecnico abilitato” risulti che l’in-
stallazione dei sistemi in questione non sia “eff‌iciente in termini di costi”); nell’ultimo caso [art. 9, comma 5, lett. d)],
sul “condominio” che non ripartisca le spese in conformità a quanto prescritto.
Ciò premesso, si evidenziano di seguito le principali differenze con la precedente normativa:
– gli adempimenti di cui alle lettere b) e c) del comma 5 dell’articolo 9 – e le relative sanzioni – fanno ora riferimento
ai proprietari; in precedenza, i soggetti indicati alla lettera b) erano le imprese esercenti il servizio, quelli indicati alla
lettera c) erano il condominio e gli utenti f‌inali; permane, comunque, l’interesse dell’amministratore (per conto della
compagine condominiale) ad attivarsi allorché uno o più condòmini rif‌iutino di installare nelle loro proprietà esclusive
i sistemi in questione, dato che ciò potrebbe recare errori nel calcolo della contabilizzazione e, quindi, nella ripartizione
delle spese, con conseguenti sanzioni a carico del condominio (art. 16, comma 8).
– viene eliminato l’obbligo (previsto in via residuale) di prendere “in considerazione metodi alternativi eff‌icienti in
termini di costi per la misurazione del consumo di calore” [art. 9, comma 5, lett. d)]; deve quindi ritenersi che, laddove
l’installazione dei sistemi in questione “risulti essere non eff‌iciente in termini di costi”, non sia necessario fare altro;
– si consente – in presenza di specif‌iche condizioni – di derogare ai criteri di suddivisione delle spese indicati nella
norma tecnica UNI 10200: una soluzione certamente non ottimale, ma comunque migliorativa rispetto alla vincolatività
del precedente sistema;
– i nuovi criteri di riparto delle spese sono facoltativi nei condominii e negli edif‌ici polifunzionali in cui alla data di
entrata in vigore del decreto correttivo si sia già provveduto all’installazione dei dispositivi in discorso e alla relativa
suddivisione delle spese; se ne deduce che l’applicazione dei nuovi riparti di spesa è sempre possibile: del che deve
essere tenuto conto in relazione a contenziosi eventualmente determinati dalla precedente normativa.
Si sottolinea che, anche con le modif‌iche apportate dal decreto correttivo, la normativa consente ancora di evitare
l’installazione dei sistemi in questione laddove – nell’ipotesi di cui all’art. 9, comma 5, lett. b) – ciò non sia “tecnicamen-
te possibile, eff‌iciente in termini di costi e proporzionato rispetto ai risparmi energetici potenziali”, ovvero – nell’ipotesi
di cui all’art. 9, comma 5, lett. c) – ciò “risulti essere non eff‌iciente in termini di costi”.
Restano fermi anche i suggerimenti – e la relativa modulistica – di cui alla circolare del 12 luglio 2016 in relazione
alle convocazioni e agli ordini del giorno delle assemblee condominiali.
Si segnala, inf‌ine, che sul sito Internet confederale è disponibile, fra l’altro, il testo del D.L.vo n. 102/2014 aggiornato
con le modif‌iche (evidenziate in grassetto) apportate dal decreto correttivo. Nello stesso sito sarà a breve inserita anche
una versione aggiornata della video-guida per proprietari e amministratori di condominio.
Circolare Confedilizia 29 luglio 2016. Termoregolazione e contabilizzazione
del calore. Video-guida Confedilizia per proprietari di casa e amministratori
di condominio.
Entro il prossimo 31 dicembre, in ogni condominio si dovrà verif‌icare se sussista l’obbligo di introdurre sistemi di
termoregolazione e contabilizzazione del calore.
Per consentire a proprietari di casa e amministratori di condominio di orientarsi nell’applicazione di una normativa
particolarmente complessa, Confedilizia ha messo a disposizione sul suo sito Internet una video-guida – aggiornata con
il decreto legislativo in vigore da pochi giorni – che illustra i principali aspetti da tenere presenti.
La video-guida è suddivisa per argomenti e analizza, in particolare: ambito di applicazione della disciplina; adempi-
menti e sanzioni; esenzioni; iter per deliberare ed eseguire i lavori; problematiche relative alla ripartizione delle spese;
problemi applicativi in caso di distacco dall’impianto centralizzato; problemi applicativi in caso di immobile concesso
in locazione od oggetto di usufrutto.
Presso le Associazioni territoriali di Confedilizia – presenti in tutti i capoluoghi di provincia e negli altri maggiori
centri – è possibile rivolgersi per l’analisi della situazione dei singoli condominii e per essere assistiti in ogni fase:
convocazione e ordine del giorno dell’assemblea condominiale, relazione tecnica per deliberare l’effettuazione o meno
dei lavori, modalità di suddivisione delle spese, possibili contenziosi ecc.
Video-guida
www.confedilizia.it/termoregolazione-contabilizzazione

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA