CIRCOLARE 5 febbraio 2020, n. 30711 - Modalita' e termini di presentazione delle istanze di accesso alle agevolazioni in favore delle piccole e micro imprese localizzate nella zona franca istituita, ai sensi dell'articolo 13-bis del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, nei comuni della Regione Sardegna colpiti dall'alluvione del 18-19 novembre 2013 per i quali e' stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei ministri del 19 novembre 2013. (20A00977)

 
ESTRATTO GRATUITO

Alle imprese interessate Alla Regione Sardegna Ai comuni della Regione Sardegna interessati Al commissario delegato per l'emergenza alluvione 2013 nella Regione Sardegna Alle Camere di commercio interes- sate Alle Prefetture - Uffici territo- riali del Governo interessati All'Agenzia delle entrate 1. Premessa. L'art. 13-bis del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78 (nel seguito, decreto-legge n. 78/2015), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125 e successive modificazioni e integrazioni, ha istituito una zona franca nel territorio dei comuni della Regione Sardegna (nel seguito, regione) colpiti dall'alluvione del 18 e 19 novembre 2013 per il quale e' stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei ministri del 19 novembre 2013, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 22 novembre 2013, n. 274 (nel seguito, zona franca) destinando 5 milioni di euro per la concessione di agevolazioni alle imprese ivi localizzate. Il medesimo art. 13-bis del decreto-legge n. 78/2015 ha demandato la definizione della perimetrazione della zona franca e delle agevolazioni da concedere alle imprese localizzate all'interno della medesima a un successivo decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentiti la regione e il CIPE. In attuazione del richiamato art. 13-bis e' stato emanato il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, 7 marzo 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 21 maggio 2018, n. 116 (nel seguito, decreto), con il quale e' stata definita la perimetrazione della zona franca e la tipologia delle agevolazioni da concedere alle imprese ivi localizzate. Il decreto, all'art. 4, ha riconosciuto alla regione la facolta' di destinare tutto o parte delle risorse stanziate dal decreto-legge n. 78/2015 in favore delle imprese che hanno subito danni in conseguenza degli eventi metereologici del novembre 2013, censite nella relazione di ricognizione dei fabbisogni relativi al patrimonio pubblico, privato e alle attivita' produttive dell'Ufficio del commissario delegato, allegato n. 4, redatta in attuazione della ordinanza n. 122 del Capo del Dipartimento della protezione civile del 20 novembre 2013. Con ultima nota del 29 novembre 2018, la regione si e' avvalsa della predetta facolta', destinando l'intero ammontare delle risorse disponibili in favore delle imprese censite nell'allegato n. 4 della citata relazione dell'Ufficio del commissario delegato. Con la presente circolare sono forniti chiarimenti in merito alla tipologia, alle condizioni, ai limiti e alle modalita' di concessione e di fruizione delle agevolazioni in favore delle imprese localizzate nella zona franca ai sensi di quanto previsto dall'art. 8, comma 3, del decreto, nonche' stabiliti, ai sensi di quanto previsto dall'art. 8, comma 1, del medesimo decreto, le modalita' e i termini di presentazione da parte delle imprese delle istanze di agevolazione. 2. Perimetrazione della zona franca. La zona franca, cosi' come perimetrata dall'art. 3 del decreto, comprende l'intero territorio dei comuni della regione colpiti dall'alluvione del 18-19 novembre 2013 per il quale e' stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei ministri del 19 novembre 2013, individuati nella tabella A allegata all'ordinanza del commissario delegato per l'emergenza n. 16 del 10 dicembre 2013, cosi' come integrata dalle ordinanze del medesimo commissario numeri 17 e 18 del 12 dicembre 2013, n. 22 del 23 gennaio 2014 e n. 25 del 25 febbraio 2014 e successive modificazioni e integrazioni. Di seguito, l'elenco dei comuni compresi nella zona franca. Parte di provvedimento in formato grafico 3. Risorse finanziarie disponibili. Per la concessione delle agevolazioni sono complessivamente disponibili, al netto degli oneri per la gestione degli interventi di cui all'art. 4, comma 4, del decreto, euro 4.900.000,00. 4. Riserva finanziaria di scopo in favore delle imprese che hanno subito danni in conseguenza degli eventi metereologici del novembre 2013. Con la citata nota del 29 novembre 2018, la regione, sulla base di quanto previsto dall'art. 4 del decreto, ha destinato l'intero ammontare delle risorse finanziarie disponibili per l'intervento, di cui al precedente paragrafo 3, in favore delle imprese che hanno subito danni in conseguenza degli eventi metereologici del novembre 2013, censite nell'allegato n. 4 della relazione di ricognizione dei fabbisogni relativi al patrimonio pubblico, privato e alle attivita' produttive dell'Ufficio del commissario delegato. 5. Soggetti beneficiari delle agevolazioni. Per effetto...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA