Il CELEX, sistema di documentazione automatica per il diritto comunitario

Autore:Ermanno Bonazzi
Carica:Studente presso la Facoltà di giurisprudenza dell'Università degli studi di Milano
Pagine:450-453
 
ESTRATTO GRATUITO

Page 450

Il « Service Juridique de la Commission des Communautés Européennes », come annuncia in un documento ciclostilato» ha 'realizzato il celex, sistema di documentazione automatica per il diritto comunitario. Questo sistema si avvale del centro di calcolo della Commission des Communautés Européennes, situato a Lussemburgo, e di un terminale installato a Bruxelles.

Tutti i problemi di documentazione giuridica che negli ultimi anni si sono venuti via via prospettando in ogni ramo del diritto, si ripresentano puntualmente anche nel campo del diritto comunitario, dove anzi assumono ben maggiore gravita.

Così infatti, all'incremento rapidissimo del materiale normativo, giurisprudenziale ed interpretativo, che costituisce la caratteristica di ogni settore giuridico, si aggiungono, per il diritto comunitario, altre complicazioni: l'importanza e la frequenza delle modificazioni: la rapida obsolescenza (solo un decimo degli atti emanati fino al gennaio 1973 è ancora in vigore); l'opera di applicazione ed interpretazione condotta non solo dalla Corte di Giustizia delle Comunità Europee ma anche dalle singole giurisdizioni nazionali; la presenza di singoli provvedimenti nazionali d'esecuzione per ognuno degli Stati membri e, infine, tutto, l'enorme problema legato alla presenza dal 1952, di sei Paesi con sette diversi ordinamenti giuridici e quattro lingue, e dal gennaio 1973, di nove Paesi con dieci diversi ordinamenti giuridici e ben sette lingue.

Queste difficoltà imponevano il ricorso a procedure 'automatiche di documentazione ed è in questa direzione che il Service Juridique si è mosso fin dal 1967.

Il sistema di documentazione messo a punto dal Service Juridique è entrato in funzione a partire dal gennaio 1971.

Page 451

Nella prima fase, che giunge fino al 1973, il campo documentario era limitato ai trattati istitutivi delle Comunità Europee, agli atti di diritto comunitario derivato con forza vincolante, agli atti che disciplinano le relazioni esterne dei Paesi della Comunità, ed agli altri atti che caddero io prescrizione nel 1969 o che ebbero breve vita. In quella fase venne memorizzato il testo integrale solo dei documenti più importanti, mentre gli altri erano individuati da apposite rubriche contenenti tutti gli elementi necessari per reperirli e per conoscere, quantomeno in modo sintetico, il contenuto.

Dal 1973 è iniziata una nuova fase che ha visto la memorizzazione del testo integrale degli atti di diritto derivato, condotta...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA