DELIBERA 23 giugno 2014 - Consulenti del lavoro-valutazione di idoneita' del «Codice di autoregolamentazione delle astensioni collettive dalle attivita' dei Consulenti del lavoro», a norma degli articoli 1, comma 2, lettera c) e 2-bis della legge n. 146 del 1990, e successive modificazioni, adottato dal Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro, in data 13 giugno 2014 (Pos. 513/14). (Delibera n. 14/285). (14A05644)

 
ESTRATTO GRATUITO

LA COMMISSIONE su proposta del Commissario delegato per il settore, Consigliere Salvatore Vecchione, Premesso: che, con nota del 10 marzo 2014 (atto pervenuto in pari data), il consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro trasmetteva, ai fini della relativa valutazione di idoneita' da parte della Commissione, un testo di «Codice di autoregolamentazione delle astensioni collettive dalle attivita' dei consulenti del lavoro»;

che la Commissione, in data 12 marzo 2014, provvedeva a trasmettere il predetto Codice alle Associazioni dei consumatori, al fine di acquisire il relativo parere, disposto dall'art. 13, comma 1, lettera a), della legge n. 146 del 1990, e successive modificazioni, assegnando il termine di 30 giorni;

che, decorso il termine di 30 giorni assegnato, non perveniva alcun parere da parte dell'Associazioni dei consumatori;

che, pertanto, la Commissione procedeva ad esaminare il testo del Codice presentato;

che, nella seduta del 9 giugno 2014, la Commissione formulava alcune osservazioni in ordine agli articoli 2, 3 e 4 del Codice di autoregolamentazione presentato;

che, in data 11 giugno 2014, veniva inviata una nota al Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro, con i rilievi indicati dalla Commissione e con relativo invito a pronunciarsi sugli stessi, entro i termini previsti dall'art. 13, comma 1, lettera a), della legge n. 146 del 1990, e successive modificazioni;

che, in data 13 giugno 2014, il Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro inviava una nota con la quale, recependo, sostanzialmente, tutti i rilievi evidenziati dalla Commissione, produceva un nuovo testo riformulato;

Considerato: che la legge n. 146 del 1990, e successive modificazioni, all'art. 1, comma 1, definisce, quale servizio pubblico essenziale, quello volto a garantire il godimento del diritto della persona, costituzionalmente tutelato, all'assistenza e previdenza sociale;

che la Commissione considera l'attivita' svolta dai consulenti del lavoro, strettamente strumentale al diritto, costituzionalmente tutelato, all'assistenza e previdenza sociale e che, pertanto, debba essere assoggettata all'ambito di applicazione della legge n. 146 del 1990, e successive modificazioni;

che la legge n. 83 del 2000 ha espressamente incluso, con il disposto dell'art. 2 (divenuto art. 2-bis della legge n. 146 del 1990), nel campo di applicazione della normativa in questione, anche le astensioni collettive dalle prestazioni poste in...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA